Giovedi, 09 Aprile, 2020

Anziano positivo in casa di riposo P.Torres

E ora non lasciamoli soli CdT Archivio E ora non lasciamoli soli
Evangelisti Maggiorino | 27 Marzo, 2020, 01:43

Ci sentiamo di rinnovare il nostro ringraziamento e la nostra vicinanza a tutto il personale della struttura che quotidianamente si prende cura degli anziani mettendo costantemente a repentaglio la propria salute e quella dei loro cari.

Ora verranno distribuite le 30mila mascherine (acquistate mediante la raccolta fondi Uniti per la provincia di Cremona, ndr) ma questo non risolverà a lungo i problemi.

"Nel caso poi venga verificata la positività di qualche ospite o di qualche operatore - terminano i segretari - poiché potrebbe non essere sufficiente né praticabile effettuare tale isolamento all'interno della struttura stessa in cui si è verificato, occorre trovare il modo di trasferire i 'positivi' in strutture esterne, dove sono stati messi a disposizione i primi 70 posti dalla Regione, in modo da ridurre la possibilità di ulteriori contagi". Mi preme, in particolare, ricordare le amiche e gli amici della Casa di Riposo di Borgo Vercelli che, dal luglio del 2016, è diventata la dimora di mia madre. L'Amministrazione Comunale è in continuo contatto sia con la cooperativa che gestisce la struttura sia con gli organi sanitari competenti nel tentativo di far fronte a tutte le esigenze che si presentano. "La speranza - afferma Palmieri - è che ritorni centrale questa emergenza, ci sono 4000 ospiti nelle nostre strutture, dove si muore senza neanche vedere i propri parenti". La gravità del contagio tra la popolazione anziana è tale che anche il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute è intervenuto più volte nelle ultime settimane, citando tra le più colpite la casa di riposo Mombretto di Mediglia (Milano) con 44 decessi, pari a un terzo degli ospiti, la casa di riposo 'Fondazione Cecilia Caccia' di Gandino (Bergamo) con 40 malati su 150 ospiti, tutti considerati potenzialmente contagiati, la Rsa di Perledo (Lecco), con un focolaio con 32 persone positive tra ospiti e operatori. Al momento - continua lo Spi-Cgil - non ci risultano iniziative specifiche adottate per queste strutture. "Servono soluzioni e servono subito".

Altre Notizie