Giovedi, 09 Aprile, 2020

Libri: arriva in anteprima mondiale l’autobiografia di Woody Allen in ebook

CinemaWoody Allen arriva anche in Italia “A proposito di niente” CinemaWoody Allen arriva anche in Italia “A proposito di niente”
Deangelis Cassiopea | 26 Marzo, 2020, 19:23

"In un momento così difficile per l'Italia, avendo Woody Allen deciso di rendere comunque disponibile la sua autobiografia, ho pensato che anche i lettori italiani, costretti a stare a casa, dovessero avere l'opportunità di leggere questo libro tanto atteso di uno scrittore e regista così amato nel nostro Paese", sottolinea Elisabetta Sgarbi, publisher de La nave di Teseo. Si fa più cupa la narrazione quando affronta il tema della relazione con Mia Farrow e le accuse di aver abusato la figlia Dylan Farrow, che negli ultimi anni sono tornate a tormentare la sua immagine pubblica con una violenza inaudita.

Continua l'annosa vicenda delle molestie sessuali di cui è accusato Woody Allen, recentemente riportate sotto i riflettori dall'autobiografia del regista. Il fratello John Charles Villiers-Farrow è stato condannato a 10 anni di carcere nel 2013 per aver molestato alcuni bambini: Allen ha ricordato nel suo libro di aver sentito delle voci secondo cui i fratelli Farrow sarebbero stati molto "aggressivi" nei confronti delle sorelle, e che lo stesso John Charles avrebbe confessato di essere stato molestato dal padre. E' la prima volta che Woody Allen scende nel dettaglio delle accuse di molestia e si difende accusando. Nel 1992, Allen fu accusato di aver aggredito sessualmente la figlia adottiva Dylan Farrow, che allora aveva sette anni. Nel libro, il regista cita anche Alan Dershowitz e il suo libro 'Guilt by Accusation', sostenendo che spesso "basta essere accusati per essere ritenuti colpevoli".

L'editore è Arcade Publishing che ha così poi dichiarato, "il libro è un sincero e completo racconto personale di Woody Allen e della sua vita, a partire dall'infanzia a Brooklyn passando per la sua carriera da acclamato artista nel cinema, a teatro e in televisione, ma anche nella carta stampa e nella standup comedy, esplorando anche le sue relazioni con famiglia e amici". Ho ottantaquattro anni; sono quasi arrivato a metà della mia vita.

Sarebbe questo secondo il regista l'episodio da cui si sarebbero innescate le accuse, diffuse con interviste e lettere aperte che i figli Ronan e Dylan hanno cominciato a diffondere nel 2014, descrivendo il padre come un pedofilo. "Chiedo solo - aggiunge in perfetto stile Woody Allen - che le mie ceneri vengano sparse vicino a una farmacia". Racconta anche della sua storia e dell'amicizia eterna con Diane Keaton. I due si sposarono poi nel 1997 ed è a Soon-Yi che è dedicato il libro. "Che ho avuto milioni per fare film in totale libertà e non ho mai girato un capolavoro".

Altre Notizie