Domenica, 20 Settembre, 2020

Coronavirus, Brusaferro (Iss): "Non abbiamo ancora preso sul serio il pericolo"

Coronavirus Iss valutazioni possibili prossima settimana Coronavirus, Brusaferro (Iss): "Non abbiamo ancora preso sul serio il pericolo"
Machelli Zaccheo | 23 Marzo, 2020, 12:49

"Il dato rilevante è un dato di alta circolazione dell'infezione soprattutto in alcune zone ormai note in Italia, veramente sotto pressione sia sotto il profilo dell'assistenza che della vita sociale". L'ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, durante la conferenza stampa alla Protezione civile, rispondendo a una domanda sulle ipotesi che si possono fare a questo punto, ha aggiunto: "Non abbiamo mai fatto una previsione, non perché non si possano fare ma perché soffrono di alcune assunzioni e rischiano di essere fuorvianti".

"Gli anziani devono stare a casa perché sono i più fragili e perché se infettate pagano il dazio più elevato". "Servono meccanismi di rispetto sistematico delle misure, senza non saremo in grado di allentare la diffusione del virus". Questa è la sfida che abbiamo davanti. Questa è una epidemia nuova che stiamo studiando e imparando, che si declina in maniera diversa. Lo dico da figlio di genitori ultra-ottantenni: "gli anziani devono rimanere a casa", ha concluso.

Altre Notizie