Lunedi, 30 Marzo, 2020

Liberato firma la colonna sonora di Ultras

Il nuovo pezzo di Liberato e il primo film di Lettieri Il ritorno di Liberato con “We come from Napoli”, in collaborazione con Del Naja (Banksy?) dei Massive Attack e Gaika
Deangelis Cassiopea | 17 Febbraio, 2020, 02:09

Il videoclip anticipa alcuni contenuti di Ultras, esordio cinematografico di Francesco Lettieri, nelle sale il 9, il 10 e l'11 Marzo. Come per tutti i precedenti lavori, anche in questo caso la regia è di Lettieri che realizza un videoclip in cui il mondo di LIBERATO si fonde perfettamente con quello di "Ultras".

Liberato è tornato. Il cantante senza volto, o meglio, a volto coperto. Del film evento, distribuito da Indigo Film e dal 20 marzo disponibile sul Netflix, conosciamo finora la trama, il cast ed alcune immagini.

Già in passato Del Naja aveva parlato di una possibile collaborazione con Liberato, poi non andata in porto: "Qualcuno mi ha mandato i link dei video di Liberato chiedendomi se volessi lavorare con lui". Il Film è arrivato, e faremo presto a sapere se ha tradito o meno le aspettative riposte.

In tanti iniziano a chiedersi se Liberato pubblicherà un nuovo album, in vista di un doppio concerto: presentarlo live sul palco del Forum di Assago sarebbe una grande possibilità, nonché una lieta sorpresa per i fan, soprattutto adesso che potranno assicurarsi un posto al concerto con la data raddoppiata. Notevole invece il video, come da tradizione, che ci immerge nelle atmosfere del film di Lettieri in uscita, incuriosendoci parecchio. All'indirizzo www.ultrasilfilm.com è possibile conoscere l'elenco delle sale dove verrà proiettato. Ma ora che un Daspo gli impedisce di avvicinarsi alla curva, quei valori iniziano a vacillare.

Così come per la prima volta abbiamo una collaborazione importante e pesante.

Angelo ha sedici anni e considera gli Apache la sua famiglia, Sandro la sua guida, la persona che ha preso il posto di suo fratello Sasà, morto anni prima durante gli scontri di una trasferta.

"Ultras" è un film diretto da Francesco Lettieri, scritto da Lettieri con Peppe Fiore. E dell'inevitabile incontro di entrambi con il proprio destino.

Altre Notizie