Sabato, 19 Settembre, 2020

Ancelotti: "Solo al Milan mi conoscevano e mi lasciavano lavorare"

Podcast Serie A Ascolta"Podcast Serie A la crisi infinita da Ancelotti a Gattuso su Spreaker
Cacciopini Corbiniano | 13 Febbraio, 2020, 12:56

Carlo Ancelotti si gode i successi ottenuti fin adesso in Premier League. Sulla panchina del Napoli infatti il nuovo tecnico sta facendo i conti con gli stessi problemi che hanno portato all'esonero del tecnico ora all'Everton, specialmente la fragilità mentale e l'insipienza tattica della sua squadra.

Vivere a Napoli è una delle cose più belle che possano capitare: non è finita bene. Poi, un po' per i risultati e un po' per qualche difficoltà, si è chiuso il rapporto. L'Everton ha mandato via il suo allenatore inizio dicembre. De Laurentiis mi ha detto che aveva deciso di cambiare. Non avevo voglia di stare fermo e farmi pagare senza lavorare. Allenare in Inghilterra è affascinante, e la società dell'Everton è ambizioso. Io non credo che l'Inghilterra voglia fare passi indietro. L'allenatore di Reggiolo da quando è tornato in Premier League ha una media punti inferiore solo a quella della capolista schiacciasassi Liverpool.

Una cosa però lo ha infastidito e non poco: "Mi dà fastidio che, quando le cose non vanno bene, mi dicano "Ah, bisogna usare la frusta, sei troppo buono, sei troppo gentile e accomodante coi giocatori!"". Un altro mondo - inizia così l'intervista di Ancelotti - non tanto per l'intensità del gioco ma per l'ambiente: qui è quasi impossibile che ci sia un tifoso dietro di te che passi tutta la partita ad insultarti. Non mi puoi prendere e dirmi di cambiare il mio modo di allenare e il mio modo di essere. Nessun pareggio. Se consideriamo, inoltre l'andamento della sola Serie A, notiamo che su 8 gare sono solo 3 le vittorie, con una percentuale di successo, quindi, del 37,5%. "Se tu mi dici 'Devi usare la frusta!', 'è sbagliato, è sbagliato'". "Devi prenderne atto".FASTIDIO:" Cosa mi ha dato fastidio? Anche al Milan ci sono dei passaggi difficilissimi.

E a proposito del Diavolo della sua vita: il mister si lascia andare anche a un rapido commento sulla stracittadina. Ecco le sue parole sul derby di Milano: "Grande Milan nel primo tempo, grande reazione Inter nel secondo tempo. Di britannico c'era l'atmosfera fantastica di San Siro", conclude Ancelotti.

Altre Notizie