Giovedi, 13 Agosto, 2020

Addio al "genio della meccanica". E' morto Giancarlo Morbidelli

Morto Giancarlo Morbidelli una vita da costruttore nel motociclismo e padre di Gianni Addio al "genio della meccanica". E' morto Giancarlo Morbidelli
Cacciopini Corbiniano | 12 Febbraio, 2020, 22:38

Cordoglio del sindaco Matteo Ricci per la scomparsa di Giancarlo Morbidelli, imprenditore e progettista pesarese noto in tutto il mondo: "Siamo profondamente addolorati - evidenzia il sindaco -".

Giancarlo Morbidelli è morto e la sua Pesaro piange uno dei 'giganti' delle moto.

E' morto Giancarlo Morbidelli, pioniere della motorizzazione a scoppio destinata soprattutto alle due ruote e fondatore dell'omonima casa costruttrice. Nato a Pesaro nel 1934 è morto presso l'ospedale di Fano dove si trovava ricoverato da tempo. Altri, invece, collegheranno il suo cognome al figlio Gianni Morbidelli, ex pilota di Formula 1 con un passato nella Ferrari. Un uomo costruitosi partendo dal nulla: Morbidelli proveniva da una famiglia contadina, ma grazie alla sua dedizione ed al suo impegno degli anni '50 fondò la sua azienda che in prima battuta si occupava di riparazione di macchinari per la lavorazione del legno ma anche di raccolta di moto d'epoca per passione, a cui aveva riservato un apposito e piccolo spazio. In seguito iniziò a progettare delle Morbidelli da Gran Premio che vennero poi utilizzate nei Mondiali di motociclismo negli anni tra il 1969 e il 1981.

Una vita dedicata al mondo dei motori e in particolare alle due ruote con le sue 'ideazioni' che hanno fatto la fortuna di diversi piloti e tra questi anche Graziano Rossi, il papà di Valentino. Negli anni '90 Morbidelli decise di cedere l'azienda e creare 12 esemplari di moto 850 cc a otto cilindri a "V". Una figura fuori dal comune che con talento, coraggio e capacità ha scritto pagine indimenticabili nella storia del motociclismo e dei motori pesaresi, veicolandole con passione e grandi traguardi raggiunti a livello mondiale. "Difficile sintetizzare il patrimonio umano rappresentato da Giancarlo e racchiuso nella sua esistenza - ha concluso Ricci - Mancherà a tutta la città".

Nel 1999 Morbidelli ha ultimato un Museo, con una copertura di circa 3.000 mq ed un'esposizione di circa 350 motociclette, costruite a partire dal primo decennio fino agli anni '80-'90 del secolo scorso. "Vicini alla famiglia in questo momento di dolore", conclude il post su Facebook del primo cittadino di Pesaro.

Altre Notizie