Martedì, 18 Febbraio, 2020

La W Series supporterà la Formula 1 in due eventi nel 2020

F1 il circuito Hermanos Rodriguez di Città del Messico W Series | Il calendario 2020 si arricchisce con due appuntamenti con la Formula 1
Cacciopini Corbiniano | 18 Gennaio, 2020, 12:23

Questo accadrà ad Austin, per il Gran Premio degli Stati Uniti, e a Città del Messico, per il Gran Premio del Messico.

Continua l'espansione della W Series in giro per il globo.

Le due nuovissime gare della W Series formeranno un'entusiasmante finale di campionato, con questi due fine settimana che metteranno in gran luce la serie e le sue partecipanti.

"Siamo assolutamente felici che, nella nostra seconda stagione, il nostro campionato sia stato accolto con favore dalla Formula 1 e siamo entusiasti del fatto che le ultime due gare si svolgeranno nell'ambiente della F.1", ha dichiarato Catherine Bond Muir, Chief Executive Officer della W Series.

Gli eventi, ovviamente, verranno svolti in concomitanza con la Formula 1, generando un confronto che mai era avvenuto nel corso del 2019.

Un'altra prima volta per la W Series, la neonata competizione che vede impegnate 18 ragazze su vetture di Formula 3. Anche dal punto di vista commerciale, in seguito al recente annuncio della nuova partnership pluriennale con lo sponsor ROKiT, si può ben sperare in un 2020 ancor più brillante e in un ritorno sugli investimenti, nonchè in un buon lancio per recuperare nuovi partner.

Un importante occasione per la W Series giunta in queste ultime ore: la serie femminili farà da supporto alla Formula 1 negli Stati Uniti d'America e in Messico. In un solo anno la W Series ha contribuito ad aumentare l'interesse in tema di diversità nel motorsport. Siamo convinti che il nostro sport debba offrire pari opportunità a uomini e donne.

Infine, dice: "La capacità per le grandi folle che tradizionalmente frequentano il Gran Premio di Austin e Città del Messico di vedere da vicino queste talentuose donne pilota aumenterà sicuramente la consapevolezza dell'importanza dell'inclusione e della diversità nel motorsport".

Altre Notizie