Venerdì, 28 Febbraio, 2020

Brexit anche per Erasmus+

Brexit quali potranno essere le conseguenza per gli italiani Boris Johnson
Evangelisti Maggiorino | 10 Gennaio, 2020, 18:22

A promuovere l'emendamento erano stati i LibDem, con l'intenzione di tutelare il programma di scambi, molto popolare tra i giovani europei e che ha reso internazionali le esperienze degli universitari.

A ogni modo, Londra non si chiama del tutto fuori dal progetto ma, semplicemente, intende rinegoziarlo nell'ambito dell'ultimo step di trattative prima dell'addio definitivo. "Grazie all'Erasmus sono riuscita a studiare a Parigi e trovare il mio primo lavoro da giornalista".

"Tutti quelli che sanno minimamente cosa sia l'Erasmus, sanno che quella del governo è una decisione diabolica, miope e controproducente".

Il sottosegretario all'Istruzione e parlamentare conservatore Chris Skidmore ha sottolineato che "il voto non significa la fine della partecipazione del Regno Unito al programma Erasmus+ dopo che avremmo lasciato l'Ue".

Da indiscrezioni, sembra che il Ministero dell'istruzione inglese abbia espresso la volontà di proseguire gli scambi universitari, i progetti di formazione-lavoro e/o sportivi con gli Stati dell'Unione europea, anche senza progetto Erasmus ma attraverso accordi e convenzioni di diversa natura. Nonostante la determinazione di Johnson, la fine del 2020 potrebbe perciò essere una deadline troppo ravvicinata per dare una nuova veste organica ai rapporti Regno Unito-Ue. Tanto più che oggi con 330 sì e 231 no i Comuni hanno approvato in terza e definitiva lettura la legge attuativa sul recesso dall'Ue - la strada per il divorzio da Bruxelles è spianata. La strada per la Brexit il 31 gennaio è ora spianata.

Appena la notizia è diventata di pubblico dominio sono cominciate anche le polemiche. La deputata LibDem che aveva proposto la misura, Layla Moran, ha definito il dibattito di mercoledì "assurdo", perché "il programma è incredibile", permette di "andare in università europee, imparare nuove lingue, incontrare nuove persone, mettere radici all'estero e costruire visione internazionale". E il Regno Unito è stato tra le cinque mete preferite.

Brexit, Renzi: Addio Gb a Erasmus è pagina triste - "Dicendo addio all'#Erasmus il Regno Unito scrive una pagina triste non solo per gli studenti europei". "Un atto che va a distruggere i sogni e il futuro delle giovani generazioni, pensato per unire le culture e formare le coscienze dei cittadini europei".

Altre Notizie