Martedì, 14 Luglio, 2020

Prezzi petrolio in rialzo (+1%) dopo attacco dell’Iran a base americana

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE
Esposti Saturniano | 08 Gennaio, 2020, 20:58

L'altro indice di riferimento per il prezzo del greggio, il Wti texano, è salito nella notte a 65 dollari al barile salvo poi scendere a 65$.

Roma, 8 gen.(Adnkronos) - Prezzi del petrolio in netto rialzo dopoil lancio da parte dell'Iran di un attacco missilistico contro le forze americane in Iraqin segno di rappresaglia per l'uccisione del generale Soleimani. Il rischio è che si verifichi il blocco del traffico commerciale nello Stretto di Hormuz. Lo Stretto è vitale per i principali esportatori di petrolio del Golfo come Arabia Saudita, Iraq, Emirati Arabi Uniti e Kuwait, le cui economie sono basate sulla produzione di petrolio e gas.

Come accaduto durante l'attacco USA in cui è rimasto ucciso il generale iraniano, il mercato ha reagito più o meno allo stesso modo, anche se in quel caso fu Trump con un suo tweet, oramai mezzo incisivo anche sulle borse, a placare l'ansia che faceva aumentare le quotazioni. "Ci assicureremo sempre di fornire al mondo tutto ciò di cui ha bisogno", ha detto al Mazrouei, aggiungendo però che ci sono sempre dei limiti oltre i quali non è possibile andare. Sostenuto dalle tensioni geopolitiche ma anche - come ricorda il Sole 24 Ore - "dalle politiche monetarie espansioniste che la Federal Reserve promette di proseguire a lungo e dalla forte domanda delle banche centrali nei Paesi emergenti, anche in un'ottica di dedollarizzazione" l'oro ha visto dallo scorso 10 dicembre un aumento del 27% delle posizioni nette lunghe. L'oro nelle scorse ore ha raggiunto addirittura il prezzo di 1.611 dollari l'oncia, il massimo da settembre del 2012.

Altre Notizie