Lunedi, 20 Gennaio, 2020

Meningite, è psicosi sul lago d'Iseo. Ambulatori presi d'assalto

Nuova allerta meningite: una 48enne deceduta a Brescia Una morta di meningite, è il quarto caso e il secondo decesso, sulla sponda bergamasca del lago di Iseo
Machelli Zaccheo | 06 Gennaio, 2020, 10:50

Come riporta anche Fanpage, il ragazzo, residente a Castelli Calepio, è arrivato in ospedale, lamentando febbre alta e difficoltà respiratorie.

E non escludono che nel frattempo possano esserci nuovi casi, in attesa che i vaccini ai quali numerosi cittadini si stano sottoponendo facciano effetto nell'arco di due settimane. "A tutti gli altri - ha spiegato l'assessore Gallera - consigliamo la vaccinazione, che offriamo anche a chi lavora sul territorio".

Da segnalare anche effetti collaterali come fotofobia e la fonofobia, ma anche nausea, vomito, disorientamento temporo-spaziale, e il fatto che il paziente si corica in genere in posizione fetale per ridurre il dolore dovuto allo stiramento delle radici dei nervi spinali. L'Ats e i comuni del lago d'Iseo si sono attivati subito per avviare la profilassi per i parenti - la donna aveva due figli - e per coloro che hanno avuto un contatto con la donna.

È morta a 24 ore dal ricovero d'urgenza agli Spedali Civili di Brescia: il cuore di Marzia Colosio 48enne originaria di Tavernola ma residente a Predore non ha retto alla forma aggressiva di meningite. Si stima che tra il 5 e il 10 per cento della popolazione sia portatrice sana del batterio e ogni anno in Lombardia si registrano una media di 30 o 40 casi. Nelle riunioni dei giorni scorsi abbiamo incontrato i sindaci dei Comuni interessati e ascoltato le richieste e le preoccupazioni dei cittadini, fornendo risposte concrete. "Non c'è assolutamente carenza di vaccini - ha poi aggiunto Galleria - E' normale che non si trovino in farmacia, dove ci sono poche dosi destinate a chi viaggio".

Alla riunione, oltre ai sindaci dei Comuni degli Ambiti del Basso Sebino e di Grumello, hanno partecipato anche il presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli, il direttore di Ats Bergamo Massimo Giupponi, il direttore generale dell'Asst Bergamo Est Francesco Locati e i vertici delle Forze dell'ordine. L'unica arma veramente efficace. Martedì a Villongo è invece atteso l'assessore regionale alla Sanità, Giulio Gallera.

La meningite torna a fare paura sul Lago D'Iseo.

Altre Notizie