Domenica, 19 Gennaio, 2020

Trump minaccia dazi contro la web tax

ANSA  EPA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA EPA +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 05 Dicembre, 2019, 12:51

Prima un giallo, imperniato sul 5G, provocato dallo stesso Donald Trump, sicuro che anche l'Italia non proseguirà la sua collaborazione con i cinesi di Huawei, un giallo confermato dallo stesso Conte ("mai parlato di questo con Trump"), poi infine 45 minuti di incontro bilaterale e il chiarimento: gli Stati Uniti e il loro Presidente apprezzano la nostra legislazione sulla materia, ed è anche grande sintonia personale fra i due leader.

Infatti, in base a un'analisi effettuata sugli ultimi dati Usda 2019 divulgata in occasione della minaccia di Trump di innalzare al 100% i dazi contro i prodotti europei, è emerso che la produzione dei falsi formaggi italiani negli USA è aumentata del 4%. "Ho parlato all'Italia e sembra che non andranno avanti". "Sulla web tax prevista in legge di Bilancio non ci saranno modifiche al Senato - ha detto la senatrice Donatella Conzatti, di Italia Viva - se ci saranno, potranno arrivare in seconda lettura alla Camera". Il Presidente statunitense ha voluto colpire il Governo di Emmanuel Macron come rappresaglia per la Web Tax introdotta ai colossi di Internet, le cosiddette GAFA ovvero Google, Amazon, Facebook e Apple.

La Francia allora ha risposto con risolutezza alle dichiarazioni del tycoon sugli effetti e i contraccolpi che l'Unione Europea potrebbe mettere in atto nei confronti degli Stati Uniti.

Il premier Giuseppe Conte è intervenuto nella conferenza stampa a margine del vertice londinese dell'Alleanza Atlantica, affrontando diversi temi d'attualità: dazi Usa, riforma giustizia e prescrizione, Libia, Mes. La digital tax ha inoltre un obiettivo di lungo periodo e come associazione di categoria spingiamo affinché sia realizzata per dare sviluppo a un settore chiave per il nostro paese. Ma anche l'Italia e l'Austria sono pronte ad applicarla, in attesa che a livello europeo si raggiunga un'intesa per una imposta comune. Così come sono già stati colpiti al 25% alcune eccellenze del made in Italy, come il parmigiano e la mozzarella, in risposta al verdetto del Wto sugli aiuti europei ad Airbus. "Tutti quelli con cui ho parlato non andranno avanti", ha detto. "Ci confronteremo presto con lui, speriamo di incontrarci per uno scambio ancora più puntuale".

Altre Notizie