Lunedi, 09 Dicembre, 2019

Venezuela: il senatore italiano Casini verso Roma con due oppositori

Venezuela deputati anti Maduro tornano in Italia Twitter /Pierferdinando Casini
Evangelisti Maggiorino | 04 Dicembre, 2019, 09:54

I due parlamentari, detentori di passaporto italiano, sono stati trasferiti all'aeroporto internazionale di Maiquetia dall'incaricato d'affari a Caracas, Placido Vigo.

"Complimenti a Pierferdinando Casini, diplomazia parlamentare e autorevole mediazione" ha twittato il ministro per gli Affari europei, Enzo Amendola ripostando il tweet di Casini che annunciava il ritorno da Caracas in compagnia di Mariela Magallanes e Americo De Grazia. "In Venezuela manca la luce e l'acqua anche sei ore al giorno - ha ricordato Casini - La gente non mangia e si ammala". "La mia, la nostra lotta per il Venezuela la faremo sempre e ovunque siamo e saremo". "Questo risultato è stato possibile grazie a qualcosa che è più importante: il sistema Italia", ha detto Pierferdinando Casini, senatore e presidente onorario dell'Unione Interparlamentare, che ha condotto il negoziato con Caracas. "Aiuteremo da qui il Venezuela", ha aggiunto prima di partire alla volta della Lombardia, dove si unirà alla propria famiglia. Una nota del Quirinale, poi, ha informato che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella "ha avuto questa mattina una conversazione telefonica con i deputati venezuelani per dar loro il benvenuto in Italia ed esprimere la sua solidarietà". "La liberta' nostra cammina insieme a con quella del Venezuela", le ha fatto eco Americo De Grazia, che a breve viaggera' a Lamezia Terme dai propri parenti.

Mariela Magallanes e Americo De Grazia, i due parlamentari oppositori entrambi cittadini italo-venezuelani, si erano rifugiati nella residenza dell'ambasciata d'Italia a maggio, dopo che il Tribunale supremo di giustizia (Tsj) venezuelano aveva disposto la revoca della loro immunità parlamentare con l'accusa di aver sostenuto il tentativo di "colpo di stato militare" lanciato da Guaidò a fine aprile.

A Magallanes e De Grazia era stato inoltre impedito di lasciare il Paese, nel quale resta alta la tensione dopo l'autoproclamazione di Guaidò a presidente a interim del Paese.

"Finalmente in volo da Caracas verso Roma - scrive Casini - con i colleghi M. Magallanes e A. De Grazia, costretti dal maggio scorso a vivere nell'Ambasciata italiana".

Altre Notizie