Giovedi, 13 Agosto, 2020

Clima, il parlamento Ue dichiara lo stato d'emergenza

Siccità nella Macedonia del Nord Siccità nella Macedonia del Nord +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 30 Novembre, 2019, 15:41

L'Eurocamera rilancia così la sfida alla futura Commissione europea a guida Ursula von der Leyen che da parte sua ha annunciato che entro i primi 100 giorni metterà sul tavolo una nuova agenda verde. Di qui la richiesta alla Commissione di "garantire che tutte le proposte legislative e di bilancio pertinenti siano pienamente in linea con l'obiettivo di limitare il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 °C".

Come azioni concrete, il Parlamento chiede anche una riduzione delle emissioni globali per il trasporto aereo e marittimo: "Le ambizioni attuali di questi due settori - si legge nel documento UE - non sono all'altezza delle riduzioni necessarie". Tutti i Paesi dovrebbero includere tali emissioni nei loro piani di contribuzione nazionale (NDC). Gli Stati membri sono i maggiori fornitori di finanziamenti pubblici per il clima e il bilancio dell'UE dovrebbe rispettare pienamente gli impegni internazionali. "Una posizione ambiziosa", dice Canfin, presidente della Commissione ambiente, a ridosso del vertice Cop25 di Madrid.

Il Parlamento vuole in sostanza che l'UE si impegni per promuovere una riduzione delle emissioni di gas effetto serra a zero entro il 2050. La risoluzione è stata approvata con 429 voti a favore, 225 contrari e 19 astensioni. Inoltre, invita i Paesi dell'Unione a raddoppiare i contributi al Fondo per i cambiamenti climatici e ad eliminare gradualmente tutti i sussidi diretti e indiretti ai combustibili fossili entro il 2020. Approvato il testo della risoluzione legato alla COP25 è stato approvato con 430 voti favorevoli, 190 contrari e 34 astenuti. "Un atto di responsabilità dovuto nei confronti di una emergenza climatica oramai acclarata e che necessità di interventi mirati ed immediati" spiegano dall'Amministrazione.

La Commissione europea aveva già proposto l'obiettivo delle emissioni nette-zero entro il 2050, ma il Consiglio europeo non l'ha ancora approvato poiché Polonia, Ungheria e Repubblica ceca sono contrarie. La Conferenza Onu sul clima a Madrid - dal 2 al 13 dicembre -, è progettata per compiere i prossimi passi cruciali nel processo di cambiamento climatico indicato dal Palazzo di Vetro. Una delegazione del Parlamento europeo, guidata da Bas Eickhout (Verdi/ALE, Paesi Bassi), sarà presente dal 9 al 14 dicembre.

Altre Notizie