Martedì, 12 Novembre, 2019

Livorno celebra il suo pittore Modigliani Cultura

Livorno riabbraccia il suo Modigliani: la mostra-omaggio a 100 anni dalla morte Omaggio a Modigliani - Mostra - Livorno - Guastalla Centro Arte
Deangelis Cassiopea | 10 Novembre, 2019, 18:54

Livorno abbraccia il suo Amedeo Modigliani a 100 anni dalla morte, avvenuta il 22 gennaio 1920 all'ospedale della Carità di Parigi per meningite tubercolare.

"Modigliani e l'avventura di Montparnasse - Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre" questo il titolo della mostra. "Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre" si terrà al Museo della Città da giovedì 7 novembre al 16 febbraio 2020.Organizzata dal Comune di Livorno insieme all'Istituto Restellini di Parigi con la partecipazione della Fondazione Livorno, l'esposizione è curata da Marc Restellini con il coordinamento di Sergio Risaliti: offre al pubblico l'occasione di ammirare ben 14 dipinti e 12 disegni di Modigliani raramente esposti al pubblico. Primo fra tutti Paul Alexandre, al centro di un legame tra Livorno e Parigi, che lo ha sostenuto al suo arrivo nella capitale francese e che lo ha aiutato nel progetto scultoreo delle Cariatidi, oltre che durante i suoi ritorni a Livorno nel 1909 e 1913. Nei suoi famosi ritratti Modigliani trasferiva gli aspetti psicologici dei personaggi che rappresentava, trascorreva molte ore con i soggetti prima di dipingere, cercando, appunto, di capire il profilo interiore di chi aveva di fronte. Accanto alle opere di Modigliani, un centinaio di altri capolavori, anch'essi collezionati da Jonas Netter a partire dal 1915, opere rappresentative della grande École de Paris.

Tra le opere in mostra è visibile il ritratto Fillette en Bleu del 1918, una grande opera raffigurante una bambina davanti a un muro dove prevale un delicato e innocente colore azzurro; il ritratto di Chaïm Soutine, l'amico degli anni parigini più difficili; il ritratto Elvire au col blanc con la giovane e bella Elvira; il ritratto Jeune fille rousse ovvero della sua giovane compagna, Jeanne Hébuterne, anche lei artista che, benché in attesa del secondo figlio dell'artista, decise di concludere tragicamente la sua vita dopo la sua morte.

Queste opere sono state richieste su nostra iniziativa sin dagli anni '90 ad importanti artisti contemporanei, riscuotendo spesso l'adesione entusiastica da parte degli stessi, entrando così a far parte della collezione permanente che è esposta all'interno della casa Natale di Amedeo Modigliani, ammirata dai numerosi visitatori provenienti da tutto il mondo. Ma anche e soprattutto Jonas Netter che ha riunito, come un esperto e geniale collezionista, i più bei capolavori del giovane livornese.

Livorno attendeva da un secolo questa mostra. Ma a Livorno Modigliani restò sempre legato, tanto da tornarci più volte nel corso della sua breve vita.

La mostra è accompagnata da un catalogo, curato da Marc Restellini, pubblicato da Sillabe.

Altre Notizie