Martedì, 12 Novembre, 2019

Rissa sfiorata e insulti tra Vauro e Brasile

Vauro Senesi litiga con un fascista a Rete4 Rissa sfiorata e insulti tra Vauro e Brasile
Deangelis Cassiopea | 08 Novembre, 2019, 23:07

Dritto e rovescio, rissa sfiorata al noto programma Mediaset. Va bene l'audience della tv spazzatura che si ciba di eccessi ma c'è un clima di odio e violenza che andrebbe sradicato.

Roma non è fascista, Roma è casa mia. Nella foga, pochi ricordano che tutto è nato pochi secondi prima dallo scontro, ruvidissimo, tra Er Brasile e Francesca Fagnani, compagna di Enrico Mentana ospite pure lei in studio. Nella mia borgata vigono ordine e disciplina.

Vauro, nella giornata odierna, via Facebook, ha poi postato il seguente invito: "Non ti chiamo Brasile ma Massimiliano che è il tuo nome". "Ti scrivo - si legge nella missiva pubblicata su Instagram - perché ci siamo trovati muso a muso con rabbia e con furore. Devi fare quello che ti dico io": così esordisce Brasile, al secolo Massimiliano Minnocci, romano della borgata di Pietralata, durante la trasmissione Dritto e Rovescio, condotta da Paolo del Debbio su Rete 4.

È a questo punto che Vauro si è alzato andando a muso duro contro Minnocci: "Vergognati, minacci una donna, ma siamo pazzi?".

Dunque il vignettista aggiunge: "Ho pensato a chi non sfoggia orridi tatuaggi ma si presenta in giacca e cravatta". Ho pensato a quanto sia comodo per loro che ci siano persone come te, per nasconderci dietro il loro cinismo, per scaricarle quando è opportuno e gridare al "pazzo fanatico" e coprire così le loro responsabilità.

Da qui l'appello: "Allora ti dico vediamoci". O potremo parlare cenando assieme, così poi puzzeremo di vino tutti e due. Questa lettera è pubblica come lo è stato il nostro scontro. Lui le risponde: "Te lo faccio vedere io il film se vieni". Non è una sfida, è un invito.

Altre Notizie