Martedì, 12 Novembre, 2019

Modifiche al decreto sicurezza entro i primi mesi del 2020

Luciana Lamorgese cancella Salvini Migranti, Lamorgese: "3537 irregolari entrati in Italia dalla Slovenia"
Evangelisti Maggiorino | 08 Novembre, 2019, 21:54

Come ha spiegato il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, in audizione al Comitato Schengen, al confine con la Slovenia c'è "un aumento della pressione migratoria" a causa "di un cambio di politica nel rilascio dei visti di ingresso attuato dalla Serbia e dalla Bosnia in favore dei cittadini provenienti da Iran, Iraq, India e Cina e per l'apertura di una nuova rotta dal Nord Africa". "Sento mia questa città Ho trovato clima collaborazione tra tutte le istituzioni", ha aggiunto il ministro sollecitando anche un impegno da parte della società civile.

Per quanto riguarda i raid ai danni del personale sanitario - sono stati 87 nel corso del 2019 - Lamorgese ha detto che i controlli avverranno dalla sala operativa della questura e che per il "San Giovanni Bosco ci sarà attenzione ancora maggiore". Per chi firmerà il pre accordo, che poi diventerà un accordo definitivo, le quote saranno obbligatorie. Quanto al numero complessivo degli sbarchi, Lamorgese ha sottolineato che dall'inizio dell'anno al 7 novembre sono arrivati 9.944 migranti, il 55 per cento in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Lo stallo del negoziato sulla riforma del regolamento condiziona negativamente anche l'iter delle altre proposte legislative sul sistema comune d'asilo.

"Al 31 ottobre, risultano presentate 30.468 domande di asilo, con una diminuzione del 35% - ha riferito il ministro - Le Commissioni hanno esaminato 81.162 istanze, riconoscendo la protezione internazionale nel 18% dei casi, di cui l'11% per status di rifugiato e il 7% per protezione sussidiaria". "Le domande pendenti alla data del 31 ottobre sono 43.323 con una flessione pari al 61% rispetto al 2018", ha aggiunto. "La protezione umanitaria è stata concessa all'1% delle posizioni esaminate". I dati del Viminale aggiornati al 31 ottobre dicono che 2.826 persone sono arrivate dalla Libia 3.491 dalla Tunisia, 872 dall'Algeria e 2.431 dalla Turchia e dalla Grecia "con sbarchi diffusi su coste siciliane calabresi e sarde".

Il ministro dell'Interno sta valutando eventuali integrazioni al codice di autoregolamentazione per le navi umanitarie varato tre anni fa dall'allora ministro Minniti. Io penso che il confronto sia sempre utile e poi volevo capire se rispettano il codice Minniti e se è necessario introdurre nuovi elementi: "nel caso provvederò poi io a fare integrazioni al codice".

Altre Notizie