Mercoledì, 20 Novembre, 2019

Ex parroco morto soffocato con un crocifisso in gola, fermato un 19enne

Immagine di repertorio Immagine di repertorio
Evangelisti Maggiorino | 08 Novembre, 2019, 19:06

L'orrendo crimine è avvenuto lo scorso lunedì 4 novembre nella cittadina di Froissy, in Picardia, a nord di Parigi.

E' shock in Francia per l'omicidio di un ex parroco, trovato morto in una maniera atroce: soffocato con un crocifisso in gola.

Dal 1967 viceparroco, dopo il 1988 titolare, Matassoli era stato sospeso con divieto di celebrare liturgie, anche solo privatamente. "Oggi penso ancora alle vittime dell'abate Matassoli", ha aggiunto il vescovo. Dopo la presentazione di una denuncia, abbiamo avviato una procedura canonica che ha permesso di ascoltare la testimonianza delle vittime. "A Matassoli è stato quindi vietato l'esercizio di qualsiasi ministero, anche privatamente".

Le vittime del sacerdote accusato di pedofilia erano due chierichetti fra i 10 e i 14 anni, bambini del coro della parrocchia dove esercitava Roger Matassoli. Ma erano ormai prescritti dal punto di vista penale quando sono stati scoperti.

Nel frattempo, nella serata di ieri, mercoledì 6 novembre, decine di fedeli si sono riuniti nella chiesa di Notre-Dame-de-l'Assomption per una veglia di preghiera nei confronti della vittima. L'autopsia ha rivelato che il sacerdote è stato percosso ed è morto asfissiato. "Al momento dell'arresto era in uno stato delirante", avrebbe rivelato il procuratore Florent Boura. Matassoli però era "una persona vicina alla sua famiglia". Lo stato confusionale in cui versa è cominciato da qualche settimana, secondo i familiari. Saranno interrogati anche familiari e amici del giovane. E una quindicina di giorni di fa aveva violentemente aggredito il padre.

Altre Notizie