Mercoledì, 20 Novembre, 2019

Siria: Macron, la Nato è in stato di morte cerebrale

Clima Macron rilancia dopo ritiro Usa'nuovi impegni Clima Macron rilancia dopo ritiro Usa'nuovi impegni +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 07 Novembre, 2019, 20:52

"Quello che stiamo vivendo è la morte cerebrale della Nato". Emmanuel Macron usa un'espressione forte per tornare a parlare della crisi aperta dall'intervento della Turchia contro i curdi, in qualche modo permesso dagli Stati Uniti.

Dopo i convenevoli e i galà Xi e Macron firmeranno inoltre un documento congiunto sull' espressa "irreversibilità" del patto sul clima di Parigi del 2017, dal quale gli Usa si avviano a uscire in un anno. E si chiede cosa succederà se la Siria attaccherà la Turchia, in risposta all'offensiva di Ankara nel nord del paese arabo. "Questa è una vera domanda" argomenta il leader francese nell'articolo pubblicato oggi. Il paradosso è che la decisione americana e l'offensiva turca hanno avuto lo stesso risultato: "il sacrificio dei nostri partner che si sono battuti contro l'Isis".

Macron non spiega esattamente cosa dovrebbero fare i paesi europei per sganciarsi dalla NATO, ma in passato ha spesso auspicato che i paesi dell'Unione Europea rafforzino le politiche di difesa comuni: "c'è un rischio concreto che a lungo termine scompariremo dal punto di vista geopolitico", ha spiegato all'Economist: "oppure che non saremo più padroni del nostro destino: lo credo davvero". L'Europa " sparirà" se non inizia a pensarsi come potenza mondiale, avverte Macron, insistendo nuovamente sull'importanza di una difesa europea, di un Europa "con un'autonomia strategica e di capacità sul piano militare". La sua idea, sostiene il presidente francese, "è un progetto in cui gli Stati Uniti assicurano una sorta di ombrello geostrategico, ma come contropartita c'è un'esclusiva commerciale". Il presidente cinese ha aggiunto che per la Francia e il settore imprenditoriale europeo, lo sviluppo cinese è un'opportunità eccellente.

Altre Notizie