Venerdì, 14 Agosto, 2020

Sanità, nel Lazio al via dal 15 ottobre la campagna antinfluenzale

La dottoressa Maria Gabriella Calenda La dottoressa Maria Gabriella Calenda
Machelli Zaccheo | 18 Ottobre, 2019, 14:57

La vaccinazione è inoltre raccomandata dai sei mesi di età in su e per una serie di persone che lavorano in servizi pubblici di particolare interesse collettivo come il personale sanitario, le Forze dell'Ordine, i Vigili del Fuoco, ecc., le donne in gravidanza o lavoratori a contatto con allevamenti o trasporto di alcune categorie di animali.

"Più aggressivo e rischioso - avvertono dalla Asl TO5 - E' questo l'identikit del virus dell'influenza stagionale 2019-2020 che non arriverà prima di fine novembre". Lo scorso anno sono stati 764 i casi gravi da influenza confermata in soggetti ricoverati in terapia intensiva, e di questi 173 sono deceduti. In circolazione, specie in inverno, vi sono però altri virus parainfluenzali e adenovirus, che provocano sintomi molto simili a quelli dell'influenza, ma per i quali ad oggi non esistono vaccini. Si pensa che il vaccino non sia necessario perché fatto l'anno precedente. Morti evitabili se si arrivasse ad una copertura vaccinale tale da contrastare la diffusione del virus. Infine la dannosa convinzione che gli antibiotici possano curare l'influenza.

Falso. Il vaccino antinfluenzale è sicuro e gli effetti collaterali sono irrilevanti se paragonati ai rischi di un'epidemia influenzale o agli effetti collaterali dei farmaci più comuni usati per curarla, come il paracetamolo. A seguito del vaccino possono presentarsi transitorio gonfiore e dolore della zona interessata, febbricola o malessere generale che regrediscono spontaneamente nel giro di 24/48 ore.

Che tipo di influenza quella di quest'anno? Nonostante le evidenze scientifiche sulla sicurezza del vaccino e nonostante siano note le possibili complicanze legate alla malattia influenzale, il numero di donne in gravidanza vaccinate restava molto basso (8% della popolazione target). Il vaccino antinfluenzale è inoltre fortemente consigliato anche durante l'allattamento, in quanto permette di rinforzare le difese immunitarie del neonato. La vaccinazione rappresenta un mezzo efficace e sicuro per prevenire la malattia e le sue complicanze.

Influenza 2020: chi deve vaccinarsi?

Da non sottovalutare inoltre i disagi che la malattia provoca, come la perdita di giorni di scuola o giorni di lavoro dei genitori.

Falso. L'antibiotico è utile contro le infezioni batteriche, l'influenza è causata da un virus. L'antibiotico può essere assunto nel caso di infezioni batteriche derivate da complicazioni dell'influenza, ma mai senza controllo medico.

Falso. Il vaccino non è in alcun modo correlato a decessi nelle persone anziane e AIFA non ne ha in alcun modo vietato l'utilizzo, come invece riportato in alcune news risalenti al 2014. "Quest'anno - dicono dall'Aienda Sanitaria - si auspica una maggiore adesione alla vaccinazione, l'obiettivo che ci si propone è quello di riuscire a vaccinare il 75% delle persone che fanno parte delle categorie indicate".

Il 28 ottobre al via la campagna vaccinazione antinfluenzale ed è gratuita per tutti i soggetti che si trovano in condizioni a rischio di complicanze.

Altre Notizie