Giovedi, 17 Ottobre, 2019

Il Brent sale dopo le esplosioni sulla nave iraniana

La petroliera iraniana colpita da due missili La petroliera iraniana colpita da due missili
Evangelisti Maggiorino | 13 Ottobre, 2019, 00:56

In un recente comunicato, la compagnia ha precisato che sarebbero state due le esplosioni sulla petroliera. Inoltre, sempre secondo la compagnia, la nave sarebbe stabile e "non c'è nessun incendio a bordo". La deflagrazione ha danneggiato due serbatoi che si ritiene contenessero un milione di barili di greggio destinati alla Siria. Secondo gli esperti si tratterebbe di un "attacco terroristico". Violenta esplosione a bordo di una petroliera iraniana nel Mar Rosso nei pressi del porto saudita di Gedda, moderno polo commerciale e punto di passaggio per i pellegrinaggi verso le città sacre dell'Islam, la Mecca e Medina.

L'attacco missilistico, che fa salire ulteriormente la tensione nella regione, segue quello attuato con i droni lo scorso 14 settembre, quando sono state colpite le strutture saudite di Aramco arrestando circa il 5% della produzione mondiale di greggio.

Il ministro della Difesa Usa, Mark Esper, ha autorizzato il dispiegamento di 3.000 soldati -oltre ad attrezzature militari, tra i quali missili Patriot- in Arabia Saudita. D'altronde nella zona non erano segnalate navi militari, tanto che i mass media occidentali hanno insinuato che siano stati gli stessi iraniani a colpire la nave con uno o due missili anticarro.

La nave non ha preso fuoco ed è in condizioni stabili, tutto il personale "è in condizioni di sicurezza", aggiunge l'Npc.

Altre Notizie