Giovedi, 17 Ottobre, 2019

Apple elimina dallo store l'app utilizzata dai manifestanti di Hong Kong

Hong Kong: Apple rimuoverà la app «anti-polizia» Apple rimuove controversa app HKmap.live - Software e App
Evangelisti Maggiorino | 12 Ottobre, 2019, 04:35

Apple ha rimosso HKmap.live, l'app che consente la mappatura delle proteste di Hong Kong, dal suo app store.

Maya Wang, ricercatrice di Human Rights Watch basata in Cina, ha affermato che potrebbero esserci legittime preoccupazioni per l'uso improprio delle app, ma che la dichiarazione di Apple era "insincera" perché non faceva alcun riferimento alla pressione esercitata da Pechino tramite il quotidiano di sua proprietà People's Daily.

Mentre il giornale ufficiale del Partito comunista cinese ha accusato Apple di aver messo a disposizione una app "velenosa" per tracciare la polizia, sostenendo di fatto che Apple sarebbe complice dei manifestanti cinesi. a Cupertino hanno iniziato una revisione dell'approvazione della app in questione partendo "da una serie di segnalazioni di utenti di Hong Kong preoccupati" che hanno contattato l'azienda.

Infine, un duro avvertimento:"deve pensare alle conseguenze della sua decisione imprudente e avventata".

Apple aveva prima respinto a inizio mese l'applicazione basandosi sui dubbi legati alla legalità, cambiando opinione venerdì e rendendola disponibile sabato nell'App Store, ma finendo a stretto giro nel mirino del Quotidiano del Popolo. In una nota, la multinazionale californiana ha spiegato che sono state violate le regole visto che l'app è stata utilizzata anche per "tendere agguati alla polizia" o per perpetrare azioni criminali contro "residenti in aree senza forze dell'ordine".

I dimostranti antigovernativi e anti-Pechino di Hong Kong sono esperti di gadget e scaltri sulla tecnologia da strategizzare le loro mosse e rimanere in contatto, tenendo le loro comunicazioni e la loro ubicazione lontano dagli occhi delle autorità, riporta Asia Times. "Nessuno ha mai sollecitato, promosso o incoraggiato attività criminali": quindi, è solo "una decisione politica quella di sopprimere la libertà e i diritti umani a Hong Kong".

L'applicazione non è disponibile sull'App Store per la Cina continentale, dove i contenuti e le applicazioni sono tutti accuratamente esaminati per garantire la stretta conformità alle leggi e ai regolamenti di Pechino su Internet.

Il vivace business a Hong Kong, Taiwan e nella Cina continentale è un pilastro a sostegno della redditività di Apple.

Altre Notizie