Giovedi, 17 Ottobre, 2019

Flat tax potrebbe presto essere completamente rivoluzionata

Partite Iva, flat tax al 15% fino a 65 mila euro: ecco cosa cambia Partite Iva, Gualtieri al lavoro sulla stretta alla flat tax. Ecco cosa cambia
Esposti Saturniano | 11 Ottobre, 2019, 22:23

Per coloro che ne avessero sentito parlare senza averne finora compreso il senso, la flat tax è un sistema fiscale non progressivo, basato su una aliquota fissa, al netto di eventuali deduzioni fiscali o detrazioni.

Ormai quasi certa, stando anche alle parole del ministro Gualtieri, l'abolizione del cosiddetto "forfettone" del 20%, su redditi tra i 65 mila e i 100 mila euro, mentre Bruxelles ha bocciato l'ipotesi di estendere l'obbligo di fatturazione elettronica ai forfettari.

Regime forfettario: quali sono le novità per l'anno 2020?

Sul punto però è l'UE a dichiararsi contraria, in quanto il regime forfettario si basa su una vecchia deroga concessa all'Italia in ambito IVA, che prevede specifiche semplificazioni per professionisti ed imprese di dimensioni ridotte. Sarebbe poi allo studio una possibile limitazione della facoltà di uscire dal regime della "flat tax" per poi ritornarvi, così da ridurre al minimo il fenomeno, potenzialmente elusivo, di chi un anno non fattura nulla e l'anno successivo torna ad avvalersi della "flat tax".

Ma quali sono gli ambiti di intervento su una platea di potenziali interessati che sfiora i 2 milioni di partite Iva?

L'aumento della soglia a 65 mila euro tanto voluto dalla Lega con la precedente legge di bilancio ha fatto sì aumentare il numero di partite IVA nel regime forfettario, come dimostrato dalla nota diffusa dall'Osservatorio sulle partite iva del Mef l'incremento è stato del 38,3% rispetto al 2018, ma sono aumentati anche i comportamenti elusivi.

Con il limite della flat tax al 15% imposto fino ai 65 mila euro ci sono di certo delle conseguenze a livello economico.

Cos'è la Flat tax partite IVA? Un'altra ipotesi riguarda la reintroduzione dei limiti di erogazione di compensi a lavoratori dipendenti da parte di chi ha aderito alla "flat tax" (fino allo scorso anno il limite era di 5 mila euro l'anno), ovvero di acquisto di beni strumentali (sempre fino allo scorso anno non si potevano superare i 20 mila euro annui).

"È appena il caso di precisare che, qualora l'attività di lavoro autonomo che Pagina 3 di 4 l'interpellante ha svolto nei confronti della società ALFA s.r.l. dovesse essere un'attività effettivamente riconducibile, ai fini fiscali, a un rapporto di lavoro da cui ritrarre reddito di lavoro dipendente o assimilato a quello di lavoro dipendente, su cui rimane fermo ogni potere di controllo dell'amministrazione finanziaria, lo stesso non potrebbe in ogni caso applicare il regime forfetario in esame".

Altre Notizie