Lunedi, 14 Ottobre, 2019

Riscossione: dismesso il bollettino RAV

INPS online Rassegna stampa Pubblicato il 09/10/2019 Cartelle riscossione PagoPA sostituisce il bollettino RAV
Esposti Saturniano | 11 Ottobre, 2019, 12:51

Dal Bollettino RAV al Modulo di pagamento pagoPA: sono in arrivo le prime cartelle dell'Agenzia delle entrate-Riscossione che contengono il nuovo modulo di pagamento pagoPA, adottato con lo scopo di agevolare le operazioni di pagamento verso le pubbliche amministrazioni ed i gestori di servizi di pubblica utilità.

È l'AdER ad illustrare le novità e a spiegare cosa cambia per i contribuenti in merito alle modalità di pagamento dei debiti fiscali.

Come si paga con il nuovo modulo?

Innanzitutto, la sostituzione avverrà in modo graduale.

Qui la Guida al nuovo modulo di pagamento pagoPA. Il bollettino RAV (che sta per Ruolo Mediante Avviso) è un metodo di pagamento interbancario, che si trova già prestampato e con l'importo da pagare nella propria area personale dell'Agenzia.

L'Agenzia delle Entrate-Riscossione compie un ulteriore passo verso la digitalizzazione del Fisco e la semplificazione delle procedure.

Al bollettino Rav che è stato utilizzato per i pagamenti delle cartelle subentrerà gradualmente il nuovo sistema di pagamento. PagoPA non è un sito dove pagare, ma proprio una piattaforma che consente al cittadino di scegliere quale strumento di pagamento utilizzare in base alle sue preferenze e alle sue abitudini. Grazie a pagoPA il cittadino ha la possibilità di ricevere in tempo reale l'attestazione dell'avvenuto pagamento e la Pubblica Amministrazione di chiudere automaticamente la posizione debitoria aperta.

In pratica, il nuovo modello punta a consentire di trovare le informazioni di cui il contribuente ha bisogno, di aggiornare l'importo dovuto alla data del versamento e include il QR code per pagare anche attraverso lo smartphone.

Agenzia Entrate Riscossione - comunicato stampa 8 ottobre 2019 Agenzia Riscossione, il bollettino RAV va in pensione.

Come si paga la cartella di pagamento con nuovo Pago Pa tramite banca online?

L'elemento essenziale è costituito dal codice modulo di pagamento di 18 cifre che consente il collegamento alla cartella o all'atto ricevuto.

Il modulo è stampato in modalità fronte/retro per essere utilizzato sia per il pagamento in unica soluzione sia per il versamento in più rate in base allo specifico documento a cui sarà allegato (cartella, rateizzazione).

Più semplice sarà poi il pagamento con telefono o tablet: dopo aver effettuato l'accesso all'applicazione, basterà inquadrare il QR Code o il Data Matrix, e il sistema identifica subito il relativo versamento da effettuare.

Non cambia assolutamente nulla per tutti quei contribuenti che vogliano utilizzare modalità di pagamento tracciabili come carta di credito, di debito, addebito in conto corrente, etc, qualunque canale scelto, sia esso fisico ovvero telematico.

Un chiarimento importante riguarda i bollettini RAV già inviati dall'Agenzia Entrate Riscossione, in particolare in relazione alle domande di rottamazione delle cartelle.

Si precisa peraltro che i bollettini RAV collegati a comunicazioni già inviate (ad esempio per la "rottamazione-ter" delle cartelle) potranno continuare ad essere utilizzati per il pagamento.

L'estensione del sistema di pagamento PagoPA anche a cartelle ed avvisi dell'Agenzia delle Entrate Riscossione punta a dare una nuova spinta alla piattaforma introdotta nell'ambito dell'attuazione dell'Agenda Digitale Italiana.

Sono stati circa 4,7 milioni i pagamenti effettuati col sistema PagoPA, portandolo al secondo posto per numero di transazioni tra gli aderenti alla piattaforma.

Altre Notizie