Lunedi, 14 Ottobre, 2019

Formula 2, Correa: "La morte di Hubert è stata uno shock"

Credit Twitter @JMCorrea Credit Twitter @JMCorrea
Cacciopini Corbiniano | 11 Ottobre, 2019, 12:39

"Ciao, Sono tornato - le sue prime parole - Sono grato di essere ancora vivo".

Il pilota, coinvolto nell'incidente che a Spa ha ucciso Anthoine Hubert, è apparso sui social pubblicando un lungo video, nel corso del quale ha aggiornato i propri fan sulle sue condizioni di salute.

"Sono trascorse cinque settimane dall'incidente", ha dichiarato il pilota di origini ecuadoriane in un'intervista. Il sudamericano ha riferito di esser grato al cielo per essere ancora vivo e ha voluto rilasciare un pensiero verso il suo collega transalpino, più sfortunato di lui nell'occasione specifica: "Non l'ho ancora detto, ma voglio inviare pubblicamente le mie più profonde condoglianze alla famiglia di Hubert". Correa ha spiegato di non essere ancora sicuro dopo l'incidente di recupeare al 100%. E poi devo ringraziare voi, per tutti i messaggi che ho ricevuto anche da chi non conosco personalmente. "Non pensi mai che possa succedere una cosa del genere, specialmente a te, fino a quando non accade, per cui sono felice di essere qui, consapevole che ovviamente la strada per il recupero sarà molto lunga". Questo ha davvero cambiato la mia vita, il modo in cui vedo le cose, il modo in cui penso alla vita stessa e alle cose in generale. "È stata un'esperienza che mi ha cambiato la vita". "Voglio ringraziare anche il mio media team, che è stato parecchio sotto pressione dovendovi aggiornare sul mio stato di salute".

"Ho accettato la realtà e posso solo essere ottimista per lavorare il più duramente possibile e ottenere un per recupero veloce". Il piano prevede una nuova operazione lunedì prossimo e dovrebbe essere l'ultima che sosterrò a Londra. Sono grato di essere vivo e di avere avuto tante persone intorno a me in queste settimane, con la mia famiglia sempre qui a sostenermi: senza di loro non ce l'avrei fatta. "A inizio novembre dovrei essere in viaggio per Miami per vedere i miei fratelli e iniziare il mio percorso di guarigione". Dopo questo periodo potrò iniziare a dire davvero come sta il piede destro. "Sarà così per almeno 8-10 mesi". Vedremo cosa succederà in questi mesi, comunque sono positivo e farò il possibile in futuro per recuperare al meglio.

Altre Notizie