Giovedi, 17 Ottobre, 2019

Vodafone lancia il terzo bando Action for 5G

Vodafone 5G Healthcare Interventi chirurgici a distanza e ambulanze connesse: a Milano si sperimenta la nuova medicina con il 5G
Machelli Zaccheo | 10 Ottobre, 2019, 22:14

In occasione dell'evento 5G Healthcare - Vodafone Conference & Experience Day, alcuni tra i maggiori esperti del settore si sono confrontati sul ruolo chiave che le nuove tecnologie avranno in futuro. La societa' Technoprobe ha presentato, al MISE, una proposta progettuale denominata 'TERABIT ERA: Studio e sviluppo di nuove interfacce di test per microchip dedicati al mercato 5G, AI e IOT', da realizzare presso il sito di Cernusco Lombardone in provincia di Lecco. A partire dalla chirurgia da remoto, di cui è stata fatta una dimostrazione durante la mattinata, con il professor Matteo Trimarchi, Otorinolaringoiatra del San Raffaele, che dal palco del Vodafone Village ha rimosso un polipo da un modello artificiale di laringe che si trovava in ospedale.

Sistemi di analisi e consulto medico da remoto - progetto realizzato da Vodafone con Exprivia - Italtel e Istituto Clinico Humanitas, è un progetto di telegestione e teleconsulto dedicato al mondo della radiologia, che consente a tecnici e medici specialisti di poter collaborare da remoto durante e subito dopo l'esecuzione di esami radiologici.

Sui social network continuano a circolare notizie allarmistiche quanto infondate sui presunti pericoli del 5G, tanto che l'Istituto superiore di sanità si è sentito in dovere di smentire formalmente, in un report diffuso lo scorso agosto, che le onde radio su cui si basa la nuova tecnologia di telecomunicazione siano dannose per la salute. Il 5G permette di trasmettere ed elaborare in tempo reale una grande quantità di dati rilevati in modo continuo e di gestirli in totale sicurezza. Entrando nello specifico del bando, i progetti presentati nei settori sanità e benessere, mobilità e trasporti, manifattura e industria 4.0, education e entertainment, smart energy, sicurezza e sorveglianza, dovranno utilizzare almeno una delle caratteristiche distintive del 5G: velocità di connessione fino a 10 Gigabit al secondo, latenza sotto i 10 millisecondi, elevata densità di connessioni. Il 5G permette di effettuare videochiamate in alta risoluzione per una migliore comprensione dell'emergenza, identificare i volti dei pazienti per recuperarne la storia clinica, eseguire procedure non standard con l'aiuto della realtà aumentata, condividere parametri vitali e esami diagnostici per immagini in tempo reale. Gli ultimi due progetti sono l'ambulanza connessa e il wearable in ambito sportivo per monitorare i parametri di un atleta.

Progetti che si aggiungono ad altri sui quali Vodafone sta lavorando da tempo.

Robotica riabilitativa - progetto realizzato da Vodafone con Movendo Technology, è una soluzione di robotica riabilitativa interattiva che consente a un medico di seguire da remoto una sessione di riabilitazione attraverso una video-chiamata in 4K. I dati vengono trasmessi in tempo reale in ospedale, visto che con il 5G la latenza (il tempo che l'informazione impiega per 'viaggiare' lungo la rete) è tanto breve, da consentire la trasmissione dei dati praticamente in tempo reale: il paziente, quindi, è 'visitato' a distanza, senza che debba andare in ospedale. Grazie al 5G, il medico potrà controllare da remoto sia l'impostazione degli esercizi, sia l'esecuzione di ogni singolo movimento del paziente, visualizzando i dati di bio-feedback generati dal dispositivo in tempo reale. Nello sviluppo delle applicazioni 5G Vodafone oggi ha circa 40 progetti a Milano, dove è capofila della sperimentazione, oltre ad aver lanciato a giugno la tecnologia 5G su rete commerciale in cinque città.

Vodafone ha inoltre realizzato a Milano il Vodafone 5G Open Lab, una struttura aperta alle start-up per la co-creazione di soluzioni e servizi in 5G.

Altre Notizie