Giovedi, 17 Ottobre, 2019

Mancini: "De Rossi e Buffon sono da celebrare"

Cacciopini Corbiniano | 09 Ottobre, 2019, 22:05

Gigi ha giocato 176 partite con la Nazionale italiana - di cui 80 come capitano - e nel corso della sua carriera è stato nominato per cinque volte dalla UEFA Portiere dell'anno. "È un ruolo che mi gratifica perché non è sicuramente marginale". Giustamente all'inizio nutrivo qualche perplessità sulla mia accettazione di questo nuovo ruolo, però con molta tranquillità e parlandone anche a casa ho detto che l'unica squadra che poteva farmi accettare questa cosa in maniera propositiva e serena era la Juve. Dopo questa riflessione ho accettato e ho avuto ragione: sono contento per l'armonia che sto vivendo nello spogliatoio e la stima che sento dai miei compagni. "Conosco il Direttore e moltissimi loro giocatori".

"Il mister è una persona che ha le idee molto chiare, sono chiare perché ha un percorso da allenatore quasi 30ennale". In trent'anni di calcio, di gioie e battute d'arresto, chi ha toccato la punta massima come allenatore ed è approdato alla Juve, penso abbia un sacco di convinzioni che riesce a trasmettere. "Contro il Napoli è andato un po' meglio, di sicuro ha bisogno di giocare". "Devo dire che lo ringrazio pubblicamente perché è sempre molto attento e delicato nei miei confronti. Ma se dovesse accadere, accetterei con piacere nel momento in cui decidessi di smettere di giocare". È un qualcosa di non dovuto e che non cerco.

Altre Notizie