Giovedi, 17 Ottobre, 2019

Tre Nobel per la Medicina

I vincitori del Nobel per la Medicina 2019 Nobel per la Medicina 2019
Evangelisti Maggiorino | 08 Ottobre, 2019, 16:23

Gli statunitensi Willian Kaelin e Gregg Semenza e l'inglese Peter Ratcliffe sono i vincitori del Premio Nobel per la Medicina 2019 "per le loro scoperte su come le cellule percepiscono e si adattano alla disponibilità di ossigeno".

Questo meccanismo ha un'importanza cruciale per mantenere le cellule in buona salute e averlo scoperto ha aperto la strada alla comprensione di molte malattie, prime fra tante anemia, tumori, infarto, ictus.

Dal 2016 è direttore del Target Discovery Institute, Università di Oxford e Direttore della Ricerca Clinica, al Francis Crick Institute. Ma le scoperte che lo hanno portato al Nobel sono quelle sul rapporto tra cellule e ossigeno, affrontato studiando in particolare una forma di tumore familiare chiamata sindrome di von Hippel-Lindau (VHL), dovuta alle versioni difettose di una particolare proteina.

Gregg L. Semenza, 63 anni, è nato a New York nel 1956 e ha studiato biologia ad Harvard e poi nell'Università della Pennsylvania.

William G. Kaelin, 62 anni, è nato a New York nel 1957 e, dopo gli studi alla Duke University, si è specializzato in Medicina interna e oncologia alla Johns Hopkins University. Nel 1989 ha cambiato campo per fondare un nuovo laboratorio, ottenendo una Fellowship Senior dal Wellcome Trust per lavorare sui percorsi di rilevamento cellulare dell'ossigeno. È infatti nella capacità delle cellule di "dialogare" con l'ambiente uno dei segreti della loro capacità di adattarsi, regolando il loro metabolismo e ogni loro funzione fisiologica.

Tutti gli animali, e anche l'uomo, hanno bisogno di ossigeno per trasformare il cibo in energia utile. Dozzine di tipi di cellule, sia nell'uomo che in altri organismi, potrebbero accendere l'eritropoietina e altri geni se privati dell'ossigeno.

Altre Notizie