Lunedi, 14 Ottobre, 2019

La leggerezza di De Paul condanna i bianconeri

Inter, Conte: Ceccarini: " De Paul, oltre alla Fiorentina attenzione anche al Milan"
Cacciopini Corbiniano | 19 Settembre, 2019, 17:10

Asamoah 6: anche il ghanese corre e sulla fascia si rende sempre utile e presente, è meno cercato rispetto al compagno ma fa tanta densità aiutando anche a recupera palloni e a innescare i compagni quando può. Inter da sola in testa alla classifica, aspettando Torino-Lecce di lunedì sera.Forse sarà un anno nerazzurro bellissimo, tanto per ispirarsi alla famosa frase del premier Giuseppe Conte, pugliese come l'omonimo mister. Contro l'Udinese la squadra nerazzurra porta a casa la terza vittoria su tre partite di campionato. Questa fase di partita risulta tutt'altro che indimenticabile dal punto di vista delle occasioni da gol e per lunghi momenti sono davvero poche le occasioni effettive da ricordare. Al 4' assolo di Politano, sberla dal limite e palo colpito in pieno.

Antonio Conte - al di là della provocazione lanciata a Maurizio Sarri - si è soffermato ovviamente sulla gara vinta dall'Inter contro l'Udinese. Il pre e post partita, in diretta da San Siro, vedrà protagonisti Diletta Leotta e Federico Balzaretti.

Non è semplice per l'Inter andare alla conclusione.

"Sono una persona con i piedi ben piantati in terra". Al 44′ Godin avanza in solitaria e, giunto sulla trequarti, scorge l'opportunità per crossare: Sensi si tuffa da attaccante e colpisce di testa a distanza ravvicinata, infilando Musso.

Davanti invece se la giocheranno Pussetto, Okaka e Nestorovski per il posto affianco a Lasagna. I bianconeri di Tudor, rimasti in 10 nel primo tempo per l'espulsione di De Paul - causa schiaffo rifilato a Candreva - sono rimasti sempre in partita. Una reazione ingenua dopo un battibecco tra i due.

L'Udinese è riuscita alla fine a trattenere De Paul alla corte di Tudor, facendo felice tutto il popolo bianconero. Al 20' Conte richiama in panchina Lukaku per Lautaro. Il più pericoloso è ancora una volta Sensi che sfiora il raddoppio su punizione dopo una deviazione. C'è spazio anche per Sanchez, vicinissimo al gol ma Musso ci mette la mano.

Altre Notizie