Sabato, 21 Settembre, 2019

Fiorentina, Pedro: "Mi ispiro a Ibrahimovic. Vorrei segnare subito contro la Juventus"

Montella, allenatore senza successi in A nel 2019: contro la Juve deve per forza vincere Montella ricorda l’ultimo trofeo: «Dopo di me il Milan non ha più vinto»
Cacciopini Corbiniano | 12 Settembre, 2019, 07:13

Due punti in nove partite di campionato, un'altra sconfitta nella semifinale di Coppa Italia contro l'Atalanta e un'unica vittoria - ma sofferta - contro una squadra di serie C, il Monza dei suoi ex datori di lavoro Berlusconi e Galliani: da quando ha ripreso in mano la Fiorentina, a metà aprile, il percorso di Montella è stato tremendamente accidentato. E' stata una trattativa lunga, non sarei qui senza il supporto degli agenti e della famiglia. Il calcio di Sarri, poi, è sicuramente un gioco che porta molto all'intensità, al pressing e tutti i giocatori sono spremuti, per questo, bisognerà gestirli bene. Pedro (classe 97 arrivato dalla Fluminense) si è presentato per la prima volta ai tifosi viola descrivendo le proprie caratteristiche e le motivazioni che lo hanno spinto a trasferirsi a Firenze: "Mi ispiro a Ibrahimovic, è un giocatore di grande tecnica". Dal punto di vista fisico mi sento molto bene. Spero di giocare una grande stagione. Queste le sue parole nello specifico: "Fare un giro di campo con Agnelli è una cosa impossibile". Voglio dare il mio meglio e voglio cercare di conquistare qualcosa. E' un sogno che si realizza, quando ero piccolo lo sceglievo alla play.

Sabato contro la Juventus di Cristiano Ronaldo. È un giocatore che dentro l'area fa molto male. Mi piace migliorare con i miei compagni di squadra.

Vincenzo Montella ha la fiducia della Fiorentina. Noi saremmo rimasti con lui se non avesse avuto un'opportunità per andare a giocare altrove. Ma tutta la Fiorentina è una grande squadra.

Il mio obiettivo principale è segnare, ma, ripeto, mi piace anche uscire dall'area di rigore.

Cosa penso di Boateng e Vlahovic? Sono grandi giocatori. Io titolare?

Ha scelto la numero 9, come quella di Batistuta: si sente pronto?

Altre Notizie