Sabato, 21 Settembre, 2019

GP Monza, trionfo di Leclerc: grande festa al Gran Premio d’Italia

F1 GP Italia 2019 Leclerc Vincere a Monza è un sogno Visualizza La +69
Cacciopini Corbiniano | 10 Settembre, 2019, 12:55

Dunque Leclerc partirà in pole nel GP d'Italia, è indubbiamente il momento del giovane pilota Ferrari, il quale sta incredibilmente restituendo all'improvviso dignità ed orgoglio alla casa di Maranello.

Chiude la Top Ten Kimi Raikkonen, andato a sbattere nel Q3 prima di riuscire a completare il giro veloce. Vettel quarto: " Non ha rispettato il piano". Il tedesco ha quindi chiuso la gara al 13esimo posto. "Alla fine ho avuto un bloccaggio e non sono riuscito a prendere Leclerc: ho dato tutto quello che avevo e ho utilizzato tutte le mappature possibili ma non è stato abbastanza per vincere".

"Grazie a tutti, non ho parole", ha spiegato il pilota monegasco della Ferrari, che ha preceduto le Mercedes di Bottas e Hamilton. Questa è la differenza tra fare la pole e non fare la pole oggi. "La Dorna che gestisce il Mondiale delle due ruote - conferma il manager di Volterra - ha meno vincoli e al suo interno è strutturato in maniera più snella della Fom che invece ha in mano la Formula 1".

F1 GP Italia 2019 Leclerc Vincere a Monza è un sogno
Visualizza La +69

Per eccesso di tatticismo nel cercare le scie e guadagnare qualche centesimo nel tempo sul giro i 10 piloti ammessi alla Qualifica 3, che deve assegnare la Pole Position e lo schieramento dei primi dieci concorrenti alla partenza di domani, hanno offerto uno spettacolo ridicolo con una mancanza di rispetto per il pubblico ai bordi della pista e davanti ai teleschermi di mezzo mondo.

Mattia Binotto non è apparso soddisfatto del caos finale e ha dichiarato: "Peccato per Sebastian". Lui lo sentiva, era convinto di poter fare molto bene. Capisco la sua grande frustrazione per l'accaduto. Sono situazioni che nascono, non dico imprevedibili perché sapevamo che tutti sarebbero usciti all'ultimo e avrebbero cercato di stare davanti.

Sono loro, i tifosi appassionati con indosso maglie dai variopinti colori delle scuderie del cuore, i cappellini ombrello a ripararli dal sole e la pazienza di affrontare code lunghe centinaia di metri, la vera e immancabile certezza di Monza, per un'Italia che si appresta a vivere l'entusiasmo del 90mo Gran Premio con la consapevolezza di restare al "tempio della velocità" per altri cinque anni, come siglato nero su bianco da Aci e Liberty Media tre giorni fa. "Dobbiamo riguardare tutto onestamente, per noi è tutto in diretta". Dispiace tanto per Sebastian.

Altre Notizie