Lunedi, 14 Ottobre, 2019

Mediaset, Vivendi contro il riassetto. Voterà 'no' nella prossima assemblea

Mediaset, Vivendi contro il riassetto. Voterà 'no' nella prossima assemblea Mediaset: Vivendi ricorre a tribunale - Economia
Esposti Saturniano | 29 Agosto, 2019, 11:40

Vivendi, la società francese attiva nel comparto dei media e delle telecomunicazioni, divenuta azionista di riferimento di TIM nel 2017 (quota 23,68%), dopo aver provato la scalata a Mediaset negli anni passati, fermandosi al 28,8%, sta tentanto di giocare tutte le sue carte per bloccare il progetto aziendale dell'italiana, ossia la creazione di una Holding Europea chiamata Media For Europa.

Vivendi ha annunciato che votera' 'no' al progetto con la quota pari al 9,99% del capitale posseduto direttamente, mentre il restante 19,2% è detenuto tramite il trust Simon Fiduciaria.

"All'assemblea del 4 settembre, Vivendi intende votare contro la proposta di fusione di Mediaset con Media for Europe Nv (Mfe), avendo valutato i diritti che sarebbero riconosciuti, o negati, agli azionisti di minoranza, e a Vivendi in particolare, dal proposto statuto di Mfe", si legge nella nota. La richiesta di Vivendi al tribunale di Milano arriva a pochi giorni dalla denuncia presentata da Mediaset alla Consob.

Secondo quanto ha riportato una nota del gruppo della famiglia Berlusconi "non appena il titolo Mediaset ha toccato la soglia dei 3 euro per azione, discostandosi così in modo apprezzabile dal valore di recesso, Vivendi ha fatto filtrare notizie non confermate con l'evidente intento di screditare tanto il merito dell'operazione di fusione transfrontaliera deliberata dai Consigli di Amministrazione di Mediaset e Mediaset España lo scorso 7 giugno, quanto la possibilità di realizzarla". Nei piani del Biscione un'alleanza europea con altri gruppi televisivi del continente, dovrà consentire di competere con i giganti di Internet.

Mediaset non ha commentato.

Altre Notizie