Lunedi, 14 Ottobre, 2019

Reddito di cittadinanza, il controllo "furbetti" passa in mano ai comuni

I navigator sono in arrivo Reddito di cittadinanza Il 60% non può lavorare
Esposti Saturniano | 29 Agosto, 2019, 11:40

Sulla base di queste informazioni, dunque, ci sono davvero pochi dubbi sul fatto che il Reddito di Cittadinanza possa essere impiegato per acquistare delle spese mediche, dunque i fruitori del sussidio possono senz'altro utilizzare tali importi mensili per soddisfare simili esigenze.

E' questo lo snodo più delicato del meccanismo del reddito di cittadinanza, che dovrebbe traghettare chi non ha lavoro verso l'occupazione. La convocazione sarebbe dovuta arrivare nei 30 giorni successivi all'arrivo del reddito.

Reddito di cittadinanza, "Un flop clamoroso in Veneto e nell'intero nordest".

Reddito di cittadinanza: al via la fase due.

Per evitare che situazioni del genere si ripetano, dunque, i controlli dello Stato non si fermano e, anzi, a partire dai prossimi mesi, verranno affiancati da delle indagini a campione affidate agli enti locali. A questi da aggiungere il decreto che detta le regole per la documentazione richiesta dagli immigrati, che ha visto l'Inps - per il momento, rifiutare le loro domande.

L'invito non riguarderà solo l'intestatario del reddito, ma tutti i maggiorenni della famiglia non occupati o che non frequentano un regolare corso di studi. Saranno invece esclusi i beneficiari della pensioni di cittadinanza o gli over 65, nonchè i disabili (per i quali può esserci però un'adesione volontaria finalizzata alla ricerca del lavoro). La convocazione non sarà recapitata nemmeno ai componenti della famiglia con impegno di cura per bambini sotto i 3 anni o per persone non autosufficienti.

Il Patto per il Lavoro servirà ad identificare le competenze di ogni soggetto e servirà a stabilire che, per continuare ad usufruire del programma, bisognerà accettare una delle tre offerte proposte. Coerenza tra offerta lavorativa e competenze del singolo, la distanza del domicilio e la durata dello stato di disoccupazione. Entro i 100 km dalla residenza la prima offerta, entro i 250 km la seconda offerta, su tutto il territorio italiano la terza e ultima offerta.

Il governatore Vincenzo De Luca (Pd) non ha firmato la convenzione con Anpal Servizi sostenendo che l'agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro debba prima stabilizzare tutti i precari che ha al suo interno e poi tutti quelli selezionati per fare i navigator.

Altre Notizie