Lunedi, 14 Ottobre, 2019

Telefonata Di Maio-Zingaretti, il M5s insiste per un Conte bis

Accordo Pd-M5S, spunta un audio in cui Renzi accusa il collega Gentiloni: “Vuole far saltare la trattativa” Crisi di governo, l'affondo di Renzi: ”Gentiloni ha provato a far saltare l'accordo tra Pd e M5S”. Verso il governo, le 'spine' interne di Zingaretti e Di Maio
Esposti Saturniano | 25 Agosto, 2019, 21:56

"Servono garanzie su questo aspetto", riferiscono fonti dei cinquestelle. Tuttavia, Di Maio resta piuttosto freddo nelle comunicazioni che seguono l'incontro con Mattarella e, pur aprendo ad una trattativa. non cita mai il Pd, segnale piuttosto chiaro di nervosismo.

Tra gli esponenti del Pd che chiedono a M5s chiarezza c'è il vicesegretario del partito: "L'altro ieri c'erano i 10 punti tassativi". E il più convinto di tutti è proprio Beppe Grillo, che oggi è tornato a sviolinare in nome suo: 'Saluto con grande piacere il Professor Giuseppe Conte, lo abbiamo visto attraversare una foresta di dubbi e preoccupazioni maldestre, faziose e manierate, che ha saputo superare grazie a dei requisiti fondamentali per la carica che è destinato a ricoprire: la tenuta psicologica e l'eleganza nei modi...'. Renzi ha dalla sua la maggioranza dei gruppi parlamentari formati da uomini e donne di sua scelta ed il disperato attaccamento alla poltrona parlamentare di quei tanti senatori e deputati di tutti i partit, tranne quelli della Lega e di Fratelli d'Italia, certi di non avere alcuna possibilità di essere rieletti in caso di elezioni anticipate. "Non ci sono problemi insormontabili": è la posizione del Partito democratico. Salvini ha tradito ed è inaffidabile: "e io no vedo una Lega senza Salvini".

Renzi: "Manovra di Gentiloni per far saltare intesa" - Intanto, nel Pd regna un clima poco sereno.

Il Pd riconferma la discontinuità dell'esecutivo "garantita anche da un cambio di persone", ma non chiude al dialogo con il M5S che si dice pronto ad incontrare "già da domani per capire come andare avanti" sui temi di governo, a partire dal tema di come "abbassare tasse a redditi medio bassi".

In una lezione ai ragazzi della sua scuola politica Matteo Renzi ha accusato il suo successore a Palazzo Chigi. "Siamo al lavoro per un patto di governo, non per costruire ultimatum e contrapposizioni", ha detto durante la conferenza stampa convocata al Nazareno. Per Renzi, quindi, "il modo con il quale lo spin è stato passato, è finalizzato a far saltare tutto". E aggiunge: "Gentiloni era al Colle ma non ha aperto bocca". Secondo Renzi "la narrazione di questi ultimi giorni, guardate il Fatto, è quello di presentare un bipolarismo Conte-Salvini tagliando fuori il Pd". In questo senso, l'avvertimento di Renzi, "ove vi fosse una rottura nel Pd sarebbe un caos".

Altre Notizie