Mercoledì, 18 Settembre, 2019

Usa, eseguita condanna a morte con sedia elettrica nel Tennessee

Chiudi
   Apri Chiudi Apri
Evangelisti Maggiorino | 18 Agosto, 2019, 14:10

L'esecuzione della condanna a morte arriva solamente 34 anni dopo, quando il governatore repubblicano del Tennessee, Bill Lee, ha definitivamente respinto la richiesta di clemenza.

Come da legge americana consente ai condannati antecendenti il 1999 di scegliere la propria condanna tra iniezione e sedia elettrica.

Ieri nello Stato americano del Tennessee è stata eseguita un'esecuzione con la sedia elettrica: è il terzo caso dallo scorso novembre.

L'esecuzione avvenuta al Riverbend Maximum Security Institution di Nashville e si è trattata dell'11esima esecuzione di condanna a morte negli USA quest'anno. West era stato condannato per l'uccisione di una donna e della figlia nel 1986, reati di cui si era sempre dichiarato innocente.

In precedenza West non aveva espresso alcuna preferenza e in quel caso sarebbe stato giustiziato con una iniezione letale. Stephen West era nato il 16 settembre 1962 in un istituto psichiatrico dopo che la madre, mentre era incinta, aveva tentato il suicidio e, successivamente, durante la sua gioventù, fu vittima di abusi.

L'uomo ha pronunciato le sue ultime parole, facendo riferimento ad un passo della Bibbia: "In principio Dio creò l'uomo. Gesù pianse. È tutto". La questione era tornata alla ribalta anche sui media internazionali pe la decisione del presidente di ripristinare le esecuzioni a livello federale, un provvedimento che costringe ad applicare la condanna anche gli Stati che hanno abolito o congelato la pena di morte. Dopodiché è scattata la procedura di esecuzione: l'uomo, con il volto coperto di lacrime, ha dovuto subire l'atroce morte attraverso la sedia elettrica.

Altre Notizie