Giovedi, 22 Agosto, 2019

Endrizzi (M5S): "Salvini traditore, crea una crisi dal nulla"

Di Maio: “Vediamo chi vuole sfiduciare Conte, prima il taglio dei parlamentari” Governo, Salvini: “Voto prima possibile, non attaccati a poltrone”
Esposti Saturniano | 13 Agosto, 2019, 11:27

"Noi chiediamo che si voti il prima possibile, poi saranno gli italiani a scegliere un Governo che duri cinque anni", sottolinea il vice premier.

No, Salvini non è circondato da scroscianti applausi e da piazze piene come vorrebbe farci credere, il popolo non è "tutto con lui" come continua ossessivamente a twittare il suo social manager tra una merenda e uno spuntino e le sue promesse di una manovra finanziaria che dovrebbe abbassare le tasse e evitare l'aumento dell'Iva (mancano solo le accise sulla benzina per fare il filotto) non accendono gli stessi entusiasmi di qualche giorno fa. Allo stesso modo che si usi la politica per riuscire a indebolire i propri avversari e rimettere in luce le proprie idee (sempre che ce ne siano) rimanendo nello spettro della carta costituzionale e delle regole parlamentari è lecito e a volte anche doveroso.

I Pentastellati, per bocca di Roberta Lombardi, aprono al Pd dicendo che, dopo aver governato con Salvini, si può lavorare anche con Belzebù PD.

Ha parlato il vicepremier del M5S, Luigi Di Maio, indicando la linea da seguire, con le mozioni di sfiducia che pendono su Conte e Salvini e che dovranno essere votate a breve, con oggi i capigruppo che decideranno quando riunire le Camere per il voto. "Ha tradito alle spalle e a ciel sereno; sui mercati finanziari sta bruciando le risorse che servivano per Flat tax e taglio del cuneo fiscale".

Alcuni cronisti hanno poi chiesto al leader della Lega se il Carroccio ha intenzione di ritirare la sua delegazione dal governo. "Mi affido alla saggezza del presidente della Repubblica, è evidente che non c'è un'altra maggioranza".

Altre Notizie