Giovedi, 22 Agosto, 2019

Cattolica Assicurazioni, i conti del primo semestre 2019

Esposti Saturniano | 11 Agosto, 2019, 11:10

Il Consiglio di Amministrazione di Cattolica Assicurazioni riunitosi ieri a Verona sotto la Presidenza di Paolo Bedoni ha approvato i risultati al 30 giugno 2019.

La raccolta complessiva, come si può leggere nella nota, è pari a 3,3 miliardi (+10,6 per cento), con aumenti sia nel ramo vita (+14,8 per cento) che in quello danni (+3 per cento). "Arriviamo a metà del piano industriale 2018- 2020 - prosegue - con un risultato operativo che segna un incremento per il sesto trimestre consecutivo, con una raccolta complessiva e un utile che crescono a doppia cifra e con una confermata profittabilità, a dimostrazione delle capacità tecniche e assuntive del gruppo e della forza distributiva tramite le proprie reti agenziali e bancarie". Continua inoltre la crescita dei premi non auto nel ramo Danni (+9,3%).

L'indice Solvency II del gruppo (il principale indice di solidità di una compagnia assicurativa) era pari a fine giugno 2019 a 165%, in salita dal 161% rispetto alla fine del primo trimestre 2019. Gli investimenti ammontano a 32,648 miliardi.

Questo aumento dei volumi dei comparti Danni e Vita, e la profittabilità tecnica, hanno determinato un miglioramento del risultato operativo, che segna un incremento del 4,3% a 156 milioni di euro.

I dati confermano la solidità patrimoniale, con un patrimonio netto consolidato pari a €2.331mln, in crescita rispetto al 31 dicembre 2018 (€2.255mln).

I vertidi del gruppo, fatti salvi eventi straordinari, prevedono per il 2019 un risultato operativo e un utile netto di gruppo in miglioramento rispetto al precedente esercizio. "Contiamo di continuare l'attività con Ubi - ha aggiunto Minali - Siamo in gara e ci giochiamo le nostre carte al meglio".

"La nostra offerta riguarda tutto il perimetro bancassicurativo vita di Ubi, che somma circa 25 miliardi, mentre l'attuale accordo quadra per 8,5 miliardi".

Per il numero uno di Cattolica Assicurazioni l'offerta "non è ancora vincolante e - ha detto Minali - siamo molto interessati a questa opportunità".

Altre Notizie