Mercoledì, 18 Settembre, 2019

Trump, stragi anche colpa dei media

Stati Uniti, Trump: La gaffe di Trump: «Dio benedica coloro che sono morti a Toledo»
Machelli Zaccheo | 06 Agosto, 2019, 07:18

Non una sola parola ha detto Trump sulla legislazione permissiva del porto d'armi.

Per la prima strage, in un centro commerciale, c'è già una pista legata al suprematismo bianco, una risposta "contro l'invasione ispanica del Texas". Le due sparatorie hanno riacceso il dibattito sulle armi nel Paese e sulla retorica incendiaria di Donald Trump, mentre entra nel vivo la campagna elettorale verso Usa 2020.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha invitato i parlamentari democratici e repubblicani a introdurre controlli "severi" sui precedenti degli acquisti di armi da fuoco in una proposta di legge sulla riforma dell'immigrazione, dopo che due sparatorie mortali hanno scosso gli Stati Uniti nel fine settimana. "Non possiamo mai dimenticarli e tutti quelli che sono venuti prima di loro", ha scritto il presidente su Twitter. E, anche nel suo discorso, Trump non fa riferimenti specifici: "L'odio non ha posto in America". "Possiamo e dobbiamo fermare questo contagio del male e onorare la memoria sacra di coloro che abbiamo perso - ha aggiunto - serve una vera soluzione bipartisan".

"Il razzismo e il suprematismo sono ideologie che non devono avere posto in America e devono essere sconfitte", ha poi affermato il presidente americano parlando in diretta tv alla nazione.

Trump ha richiamato la necessità di maggiore cooperazione tra le varie agenzie e le aziende che gestiscono i social media, leggi per il controllo dello stato di salute mentale delle persone e modifiche alla cultura di esaltazione della violenza. Per Patrick Crusius, 21 anni, potrebbe essere chiesta la pena di morte, come ha annunciato il procuratore, che sta considerando di incriminare il giovane con accuse inerenti i crimini d'odio.

Altre Notizie