Mercoledì, 18 Settembre, 2019

Pronto soccorso, cambiano i codici di accesso

Entrano il codice arancione e azzurro sparisce il giallo nuove regole al Pronto soccorso Cambiano le regole del Pronto soccorso. Codici con numeri, colori e tempi certi - Salute & Benessere
Machelli Zaccheo | 04 Agosto, 2019, 19:42

L'accordo tra Stato e Regioni prevede l'introduzione di cinque codici numerici associati ad un colore. "Uno strumento pensato anche per ridurre ricoveri inappropriati e per aumentare la sicurezza delle dimissioni dal pronto soccorso ma che - sottolinea la Conferenza delle Regioni - per funzionare avrà bisogno di una dotazione organica adeguata".

Ci saranno cinque nuovi colori per classificare i pazienti: il Rosso rimarrà per le emergenze che richiedono un intervento immediato; l'Arancione indicherà i pazienti che necessitano di cure da effettuare nel minor tempo possibile; l'Azzurro verrà utilizzato per gli interventi da effettuare nell'arco di un'ora; il Verde indicherà i pazienti da trattare entro due ore; il Bianco per i pazienti da trattare entro quattro ore.

La riunione ha inoltre dato il via libera al decreto di riparto dei 400 milioni di euro, stanziati dalla Legge di bilancio 2019 (350 milioni) e dal Decreto Fiscale (50 milioni) per ridurre i tempi di attesa nell'erogazione delle prestazioni sanitarie, anche mediante la digitalizzazione dei CUP. Inoltre ci sarà un'Area di osservazione breve e intensiva dedicata alle terapie di breve termine, in cui si potranno fare esami diagnostici, con il doppio proposito di evitare i ricoveri inopportuni e rendere più sicure le dimissioni dal Pronto soccorso.

Commenta a caldo Giulia Grillo, ministro della salute, a conferenza conclusa: "Oggi sono molto contenta perché abbiamo portato a casa una serie di provvedimenti importantissimi".

"Qualcuno ha parlato di 'rivoluzione', ma credo si tratti semplicemente di una evoluzione basata su positive esperienze che si sono concretizzate in alcune Regioni".

Riprendendo sempre le parole di Sergio Venturi, coordinatore vicario della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome: "Pone le basi per ridefinire e valorizzare il ruolo della medicina d'emergenza-urgenza e delle strutture dei Pronto Soccorso".

Nuovi codici di gravità per chi si presenta in pronto soccorso. Ed ancora: "tecnicamente, il codice colore non penso possa essere comunque abbandonato, perche e' piu' immediato sia per il cittadino sia per il medico".

Un'ulteriore novità prevista è l'ideazione di un'area "see and treat", nella quale gli infermieri in possesso di una formazione specifica potranno applicare i protocolli standard previsti per curare le urgenze minori, con lo scopo dichiarato di ridurre il sovraffollamento delle strutture. "Ci sono infatti situazioni, specie nei nosocomi del sud Italia, dove il livello di assistenza è da terzo mondo", ha dichiarato il presidente Carlo Rienzi.

Altre Notizie