Mercoledì, 18 Settembre, 2019

Mercato auto Italia: a luglio -0,1%

Auto: mercato stabile a luglio a -0,1%, ma Fca perde il 19,37% Mercato auto, luglio sta a "galla"
Esposti Saturniano | 03 Agosto, 2019, 20:23

(Teleborsa) - La Motorizzazione ha immatricolato - nel mese di luglio 2019 - 152.800 autovetture, un calo dello 0,10% rispetto a luglio 2018, durante il quale ne furono immatricolate 152.949 (nel mese di giugno 2019 sono state invece immatricolate 172.090 autovetture, con una variazione di -1,82% rispetto a giugno 2018, durante il quale ne furono immatricolate 175.272).

Il bilancio è negativo anche nel periodo gennaio-luglio, che passa dalle 1.274.598 nuove targhe dell'anno scorso alle 1.235.598 del 2019, per un calo del 3,1%.

"Stimiamo che per il 2019 il mercato delle autovetture dovrebbe raggiungere un totale annuo di 1.860.000 immatricolazioni circa, 50.000 unità in meno rispetto alle 1.910.639 del 2018, con una flessione del 2,6%". "Si tratta di una previsione rivista leggermente al rialzo rispetto alla precedente (1.850.000 unità) - spiega Crisci - soprattutto grazie alla performance del secondo trimestre, risultata migliore delle attese".

La situazione del mercato dell'auto in Italia nel mese di luglio non è cambiata in maniera sostanziale, anzi è rimasta quasi invariata rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, eccezion fatta per i numeri, negativi, provenienti da FCA.

La nota stonata di luglio 2019 riguarda FCA che ha visto le percentuali di vendita scendere del 19,37% e del 12,83% se si considerano i primi 7 mesi del 2019, il che corrisponde ad un quota di mercato del 24,35% rispetto al 27,08% dei 7 mesi iniziali del 2018.

Sul fronte delle alimentazioni, luglio conferma la forte flessione del diesel: -27,5%, che al netto del noleggio sarebbe addirittura del -32,9%; la riduzione di quota è di 14 punti, al 37,2% del totale; nel cumulato il calo del diesel è del 24,2% (-28,6% depurato dal noleggio) al 42% di rappresentatività (-11,6%). "Tant'è che nel mese è calato il 'sacrificio' dei concessionari in termini di auto-immatricolazioni"."Quello che preoccupa - conclude il Presidente di Federauto - è la continua erosione a danno delle vendite di autovetture alimentate a gasolio che adesso non arrivano al 40% del mercato contro la percentuale superiore al 50% di luglio 2018, tanto più in assenza di una politica indirizzata al rinnovo del parco circolante un tema che intendiamo riprendere in vista del dibattito sulla legge di stabilità finanziaria del 2020". Nei sette mesi le immatricolazioni Jeep sono 54.500 (+13,4% con quota stabile al 4,4%). Luglio positivo per Lancia: vendite in aumento del 25% e quota al 2,8%, lo 0,6% in più.

Aggiunge De Stefani Cosentino "E va sottolineato che a luglio le immatricolazioni sono state tenute su da un buon andamento della domanda dei privati che, come avevamo anticipato il mese scorso, quando è sollecitata con promozioni accattivanti mostra sempre la sua reazione positiva".

Le ibride salgono dell'8,8% e raggiungono una quota del 5,4%.

Altre Notizie