Lunedi, 25 Gennaio, 2021

Robert Mueller sul Russiagate: "Mosca interferì ampiamente e in modo sistematico"

Leggi il testo completo della Robert Mueller dichiarazione di apertura del Robert Mueller sul Russiagate: "Mosca interferì ampiamente e in modo sistematico"
Evangelisti Maggiorino | 24 Luglio, 2019, 20:38

"La nostra indagine ha scoperto che il governo russo interferì nelle nostre elezioni in modo vasto e sistematico": lo ha detto l'ex procuratore speciale del Russiagate Robert Mueller nella sua testimonianza alla commissione giustizia della Camera.

Nel botta e risposta con Nadler, Mueller ricorda che "un presidente in carica non può essere incriminato, sarebbe incostituzionale".

Ma l'ex procuratore speciale ha proprio negato: "Ho parlato con Trump dell'incarico, ma prima di essere nominato procuratore e comunque non come una candidatura". Trump non era stato scagionato, ma Mueller aveva ritenuto impossibile portare più avanti l'indagine - durata quasi due anni - perché la Costituzione non gli avrebbe permesso di indagare il presidente. "Il presidente non è stato discolpato dagli atti che potrebbe aver commesso" ha aggiunto.

Il tycoon inoltre ha attaccato Mueller e i democratici che lo hanno convocato a Capitol Hill con una raffica di tweet.

Agenpress - "Così i democratici ed altri possono fabbricare illegalmente un crimine, tentare di dare la colpa ad un presidente innocente e, quando controbatte a questo attacco illegale e sovversivo al nostro Paese, la chiamano ostruzione?". "Sbagliato! Perché Robert Mueller non ha indagato sugli investigatori?", si è chiesto Trump. Non è mai stato concordato e io non avrei mai dato il mio assenso.

"L'indagine non ha stabilito che membri della campagna abbiano cospirato con i russi".

L'ex procuratore speciale del Russiagate Robert Mueller ha respinto l'affermazione di un "totale esonero" del presidente Donald Trump nelle sue indagini.

Mueller ha poi dichiarato: "Nel corso della mia carriera, ho visto la nostra democrazia essere messa alla prova molte volte". Ma c'è una fetta del partito, compresi molto candidati presidenziali, favorevole all'impeachment, come è emerso nel recente voto sulla risoluzione presentata da un deputato dem libero battitore, Al Green, accantonata ma con una novantina di voti contro.

Altre Notizie