Sabato, 15 Agosto, 2020

Arrestato in Norvegia il Mullah Krekar, condannato in Italia per terrorismo

Arrestato il mullah Krekar Arrestato in Norvegia il Mullah Krekar, condannato in Italia per terrorismo
Evangelisti Maggiorino | 18 Luglio, 2019, 13:45

La polizia norvegese ha arrestato il mullah Krekar condannato ieri dalla Corte d'Assise di Bolzano a 12 anni di reclusione per essere stato il capo della cellula jihadista Rawthi Shax che operava a Merano, in Alto Adige.

Nel 2015 la stretta collaborazione fra le autorità giudiziarie e di polizia di alcuni paesi europei, cioè di Italia, Gb, Norvegia, Finlandia, Germania e Svizzera, coordinate da Eurojust, aveva permesso di smantellare un'organizzazione terroristica legata all'Isis con base in Iraq e che si rifaceva al predicatore islamico Krekar, rifugiato politico in Norveglia e fondatore del gruppo Ansar al-Islam, in seguito arrestato e portato nel carcere di Kongsvinfger, in Norvegia. La città del Torrazzo e la sua provincia (la moschea di Motta Baluffi), infatti, a livello investigativo erano state individuate come luogo di transito della jihad.

La cellula di matrice curdo-sunnita - secondo la nota - era finalizzata alla partecipazione al jihad su scala globale, in adesione allo Stato Islamico e ad al-Nusra, propaggine siriana di al-Qaida; all'instaurazione di un califfato nel Kurdistan iracheno regolato dalla sharia; alla realizzazione di atti di intimidazione nei confronti di governi occidentali, attraverso la costituzione di cellule dormienti disseminate in Europa.

L'operazione dei Ros è servita per smantellare questa cellula.

Gli altri condannati sono Rahim Karim Twana e Hamasalih Wahab Awat (a nove anni), Jalal Fatah Kamil e Hamad Bakr (sette anni e sei mesi).

Il legale di Krekar, Brynjar Meling, ha annunciato che si opporrà al provvedimento.

Oltre a Krekar, altri due condannati vivono in Norvegia, gli altri tre in Inghilterra.

Altre Notizie