Domenica, 19 Gennaio, 2020

Ricorso in Cassazione contro scarcerazione della Rackete

Ricorso in Cassazione contro scarcerazione della Rackete Ricorso in Cassazione contro scarcerazione della Rackete
Evangelisti Maggiorino | 17 Luglio, 2019, 21:12

"Il collasso del sistema climatico - continua - porterà i rifugiati dei cambiamenti climatici, che ovviamente dobbiamo assorbire. Pertanto, vi è una responsabilità storica di accettare i rifugiati che non possono più vivere nei loro paesi a causa della povertà o anche della situazione climatica". C'è la legge marittima per salvare le persone in difficoltà. Al momento stiamo parlando di numeri molto piccoli, ma la situazione si sta facendo più difficile. Devono andare in un Paese sicuro, come ha detto la cancelliera Merkel.

Rackete ha inoltre affermato: "La Germania e altri Stati europei hanno una responsabilità storica per le circostanze in Africa anche dall'era coloniale".

Carola Rackete, comandante della Sea Watch, ha rilasciato un'intervista al quotidiano tedesco Bild nella quale spiega del motivo per il quale ha fatto rotta verso l'Italia con la nave Sea Watch 3, quali sono le cause della migrazione, le responsabilità dell'Europa e le ragioni della causa che ha intentato nei confronti del ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

Secondo Carola Rackete, i migranti "che sono in Libia devono uscire immediatamente da lì per essere portati in un paese sicuro".

E' già pronto il ricorso della Procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, contro il provvedimento di scarcerazione di Carola Rackete, la comandante della nave Sea Watch arrestata a fine giugno a Lampedusa dopo avere disubbidito allo stop della Guardia di Finanza a entrare in porto con una quarantina di migranti a bordo. La decisione della gip Alessandra Vella, invece, è andata nella direzione opposta, giudicando non punibile il comportamento della Rackete perché, a suo giudizio, la capitana della Sea Watch aveva il dovere di portare a terra i profughi soccorsi. "Noi ci opporremo a questa pagliacciata, a questo ennesimo uso strumentale delle istituzioni, come ci siamo opposti alla legge pro immigrati clandestini approvata in aula la settimana scorsa".

Altre Notizie