Domenica, 21 Luglio, 2019

Carige, Maccarone: "Lunedì cda per la conversione del bond di 138 milioni"

Carige Maccarone Carige, Maccarone: "Lunedì cda per la conversione del bond di 138 milioni"
Esposti Saturniano | 14 Luglio, 2019, 00:22

L'Italia sta lottando per mettere insieme un piano di salvataggio per Carige. Preferirei non aggiungere altro perché sono cose delicate" "Se si vuole rimettere in piedi Carige - ha aggiunto - il mercato è la strada migliore.

Per quanto riguarda invece la richiesta di chiarimenti che il Fondo avrebbe inoltrato alla Malacalza Investimenti, primo socio di Carige con il 27,7% considerando anche le partecipazioni detenute direttamente da Vittorio Malacalza, Maccarone ha solo spiegato di aver avuto dei contatti con l'imprenditore: "È importante che voti sì all'aumento di capitale in assemblea".

Sulla "componente equity, 320 milioni arriverebbero dalla conversione del bond subordinato in mano allo Schema volontario (il cui consiglio si riunirà lunedì per fissare la data dell'assemblea che darà il via all'operazione), mentre gli altri 380-400 milioni circa sono da recuperare tra diversi soggetti privati".

Carige ha una settimana di tempo per salvarsi.

Il Tesoro non era disponibile per un commento.

.

Nel frattempo UniCredit e Bper Banca si sono fatte avanti offrendosi di comprare Carige nell'ambito di un piano che vedrà il veicolo pubblico Sga prendersi in carico fino a 12-13 miliardi di crediti deteriorati, dicono le fonti.

UniCredit e Bper non hanno voluto commentare.

.

UniCredit in passato ha dichiarato di essere a favore di una soluzione sistemica condivisa in modo equo e proporzionato con le altre banche.

L'ad di Bper, Alessandro Vandelli, non esclude infatti di valutare l'acquisizione di Carige a patto che l'operazione non abbia impatti sul capitale, come fu fatto per il salvataggio delle banche venete da parte di Intesa.

Le proposte di UniCredit e Bper, che sono molto simili, prevedono entrambe che il ministero dell'Economia inietti 1 miliardo di euro in Sga per aiutare sia Carige sia il suo compratore a deconsolidare le sofferenze.

Le due fonti hanno dichiarato che due banche di proprietà statale, il Credito Sportivo e il Mediocredito Centrale, potrebbero anche fornire supporto a Carige, oltre a un gruppo bancario cooperativo non quotato Cassa Centrale Banca.

Altre Notizie