Giovedi, 17 Ottobre, 2019

La tedesca Rackete querela Salvini: "Sequestrate i suoi profili social"

Agrigento, rinviato interrogatorio Carola Rackete per sciopero degli avvocati Le regole vanno rispettate
Evangelisti Maggiorino | 12 Luglio, 2019, 10:40

In uno dei passaggi contenuti nell'esposto si chiede di chiudere i profili Twitter e Facebook del ministro leghista perché "istigano a delinquere" e "le esternazioni che qui si denunciano non vengono fatte all'interno delle funzioni svolte da Matteo Salvini nella sua qualità di ministro, ma costui si fa forte di quella qualità per potenziare in modo dirompente il messaggio d'odio".

Ed è in questo contesto che si inserisce la richiesta, riportata da Repubblica, di "sequestro preventivo degli account ufficiali" Facebook e Twitter del leader della Lega. Gli insulti si sarebbero poi fatti ancora più duri dopo che la Rackete ha violato il blocco navale (per due volte) e ha raggiunto il molo del porto di Lampedusa speronando una motovedetta della Guardia di Finanza.

Galvanizzati dalle decisioni della gip agrigentina e dal sostegno nazionale e internazionale delle sinistre unite, i sostenitori di Carola Rackete annunciano che verrà depositata domani in Procura a Roma la denuncia per diffamazione e istigazione a delinquere contro il ministro dell'Interno Matteo Salvini presentata dalla comandante della Sea Watch 3, Carola Rackete. Era fondata, ha detto alla Zdf, "sui rapporti dei medici di bordo riguardo lo stato di salute dei migranti e su quanto riferito dai membri dell'equipaggio, a contatto costante con loro". Per Rackete, infine, "salvare vite umane e' molto piu' importante di un'azione penale".

Alessandro Gamberini, legale rappresentante della Rackete, riporta 22 "offese" espresse dal vicepremier, nei tweet, nelle dirette Facebook e nelle interviste. "La gravità della lesione al mio onore è evidente". "Non posso non aver paura di parole che provengono da chi esercita un ruolo pubblico così rilevante come quello di ministro, tra l'altro dell'Interno, che dovrebbe avere il ruolo, semmai, di tutelare anche la mia persona".

Carola, inoltre, spiega che, essendo Salvini un politico di spicco per l'Italia, non può far finta di niente e non essere timorosa per le parole provenienti da una persona simile, dicendo che le parole di Salvini incitano solamente all'odio, alla perdita di umanità, oltre che alla denigrazione di tutti coloro che non rispettano le sue idee. "Siamo in attesa della firma in originale di Carola Rackete".

Salvini usa il sarcasmo per criticare la decisione della Rackete. Non c'è limite al ridicolo.

Altre Notizie