Sabato, 14 Dicembre, 2019

BuzzFeed diffonde l'audio sulla trattativa Salvini - Mosca

Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini con il presidente russo Vladimir Putin in una immagine pubblicata sul suo profilo Twitter 04 luglio 2019 BuzzFeed diffonde l'audio sulla trattativa Salvini - Mosca
Evangelisti Maggiorino | 11 Luglio, 2019, 22:09

La procura di Milano ha aperto un'indagine sui presunti fondi russi della Lega, vicenda al centro delle inchieste giornalistiche condotte a febbraio dal settimale L'Espresso e più recentemente dal sito web americano BuzzFeed. L'ipotesi di reato - formulata dal procuratore aggiunto Fabio De Pasquale e dai pm Gaetano Ruta e Sergio Spada - sarebbe quella di "corruzione internazionale". Da quanto si apprende, in procura sono già state sentite alcune persone. E non si tratta, badate bene, di una persona qualsiasi: lo stesso BuzzFeed l'anno scorso riportava come Savoini -presidente dell'associazione culturale Lombardia Russia - partecipasse a incontri ufficiali con ministri e funzionari russi al fianco del quasi omonimo Salvini, nonostante non figurasse nelle liste ministeriali degli ospiti al seguito; intervistato dal giornale, Savoini ammetteva senza problemi di aver partecipato in qualità di "membro dello staff del ministro", il quale peraltro "conosce da sempre".

Il che si evince anche dagli audio e dalla trascrizione della conversazione.

Il diretto interessato risponde minacciando querele: "Ho già querelato in passato, lo farò anche oggi, domani e dopodomani: mai preso un rublo, un euro, un dollaro o un litro di vodka di finanziamento dalla Russia". Secondo Casellati la mancata pubblicazione è motivata dall'inammissibilità delle tre interrogazioni. La versione ufficiale è che si conoscono da vent'anni e più. Alla fine della fiera "i sei fanno capire di essere a buon punto nel definire un accordo per l'importazione di petrolio russo in Italia, con un meccanismo che coinvolgerebbe anche l'Eni e farebbe finire 65 milioni nelle casse della Lega".

Hotel Metropol di Mosca, la mattina del 18 ottobre 2018. Nell'Unione Europea funziona poco o nulla, ma senza l'Unione sarebbe gioco facile per Usa da una parte e Cina e Russia dall'altra stritolare i singoli paesi europei. Si sente Savoini dire in inglese: "Il prossimo maggio ci saranno le elezioni in Europa. Una nuova Europa deve essere vicina alla Russia, perché vogliamo riprenderci la nostra sovranità". Sino ad allora, vale la pena ricordare che un guinzaglio russo fatto di finanaziamenti ai partiti italiani è effettivamente esistito sino a pochi decenni fa e stringeva proprio il collo della sinistra italiana. L'azienda di San Donato ha smentito ogni coinvolgimento e ha negato qualunque ruolo nel caso. "Chiediamo formalmente che il ministro venga a rispondere nell'Aula della Camera".

Il tweet di Matteo Renzi, senatore Pd. Dopo il caso Siri, ora scoppia il caso Savoini.

Altre Notizie