Domenica, 21 Luglio, 2019

Tinto Brass ricoverato a Roma in terapia intensiva

Tinto Brass ricoverato d'urgenza, è in terapia intensiva Tinto Brass grave in terapia intensiva: paura per il regista
Deangelis Cassiopea | 11 Luglio, 2019, 09:36

Il regista Tinto Brass, maestro indiscusso del cinema erotico italiano, è ricoverato a Roma in terapia intensiva all'ospedale Sant'Andrea. A dare la notizia del precario stato di salute dell'uomo 86enne è la moglie Caterina Varzi. Attualmente è in terapia intensiva e la prognosi è riservata. A chiamare i soccorsi è stata la moglie, Caterina Varzi, che era con lui quando ha avuto il malore nella notte. "Fino all'ora di cena tutto bene, poi gli è salita la febbre e alla fine ho dovuto chiamare un'ambulanza perché stava male". "Ora i medici stanno facendo alcuni accertamenti, si tratta di un momento delicato e deve stare sotto osservazione", ha aggiunto.

Tinto Brass ha 86 anni. Poi il primo film "Chi lavora è perduto" e una serie di pellicole anti borghesi e che esploravano le zone oscure dell'eros e dei ruoli sociali, come "Dropout", "Nerosubianco" e "L'urlo".

Nato a Milano il 26 marzo 1933 dopo la laurea in giurisprudenza, Tinto Brass si è trasferito a Parigi dove ha lavorato presso la Cinématheque Française; il debutto dietro la camera da presa è come aiuto-regista di Alberto Cavalcanti e di Joris Ivens.

Altre Notizie