Domenica, 21 Luglio, 2019

Sarah Jessica Parker shock: "molestata sul set di Sex and the City"

Sarah Jessica Parker Sarah Jessica Parker: «Sono stata molestata sul set di Sex and The City»
Deangelis Cassiopea | 11 Luglio, 2019, 08:25

Sarah Jessica Parker ha raccontato di non essere stata affatto immune da questo tipo di spiacevoli dinamiche. La dichiarazione alla stazione National Public Radio, dove ringrazia il suo manager, un aiuto fondamentale nella vicenda. L'attrice minacciò di lasciare lo show.

Sarah Jessica Parker sarà ricordata per sempre come la Carrie Bradshaw di Sex & the City, eppure la sua lunga avventura con la serie ha rischiato per un momento di terminare prima del previsto. L'attrice avrebbe infatti subito molestie sul set da parte di un attore della compagnia, figura molto importante all'interno del casting. Nonostante fosse diventata la protagonista principale della serie andata in onda alla fine degli anni Novanta, Sarah Jessica Parker ha spiegato di non essersela sentita di accusare un uomo potente che troppo spesso si comportava in maniera decisamente inappropriata. "Mi sembrava scioccante dirlo ad alta voce perché accadeva in molte occasioni".

"Penso che non importa quanto evoluta o quanto moderna pensavo di essere ..."

Avevo tutte le ragioni per dire che si trattava di un comportamento inappropriato, ma non riuscito ad esprimere il disagio che mi procurava quella situazione. L'attrice ha confessato che all'epoca dei fatti avrebbe condiviso il suo dramma solo col suo agente, e che una denuncia ci sarebbe stata nonostante la notizia sia stata tenuta segreta sia al pubblico che ai media. "Ne ho parlato con il mio agente, che l'ha poi comunicato ai produttori", ha raccontato la donna aggiungendo che l'agente era intervenuto davvero: "Gli disse "Se continua così, lascerà lo show... le ho mandato un biglietto, un biglietto di sola andata per lasciare la città e non tornerà più". In poche ore, cambiò tutto", conclude la Parker nella sua intervista radiofonica rilasciata ai microfoni dell' emittente National Public Radio.

Altre Notizie