Domenica, 21 Luglio, 2019

Fatture elettroniche: ecco il portale online per consultarle. Come iscriversi

Visualizzatore XML E-fatture oltre il miliardo, online il database gratuito del Fisco
Esposti Saturniano | 04 Luglio, 2019, 11:24

Le direttive emanate dall'Agenzia delle Entrate sono interpretazioni della legge, non possono avere efficacia "normativa", che è affidata al legislatore. Ci sono due tipi di fattura elettronica: B2B e B2C.

Uno dei possibili metodi per facilitare la fatturazione elettronica è quello di affidarsi ad una carta prepagata per la gestione delle spese relative al carburante.

L'osteopata, ad esempio, non essendo riconosciuto come figura sanitaria, deve inviare fatture elettroniche (ma anche lui tratta dati sensibili dei suoi clienti), mentre le prestazioni di medicina e chirurgia estetica non devono essere documentate da fattura elettronica.

Il processo di compilazione non è così complicato come sembra. Il 20% delle grandi aziende e 18% delle pmi, con l'introduzione della fatturazione elettronica, ha notato un appesantimento delle attività gestionali sul ciclo passivo, il 15% e 12% un aumento dei tempi di pagamento e il 12% e 9% una maggiore lentezza nella riconciliazione dei pagamenti. Con la nuova legge, il governo allarga l'obbligo di e-fattura a tutti i proprietari di partita Iva con le finalità di snellire la burocrazia fiscale semplificando le operazioni e contrastare l'evasione fiscale introducendo un controllo automatizzato.

La fattura elettronica è un documento digitale creato in formato XML gestito interamente da sistemi informatici e la cui autenticità è garantita dalla firma elettronica dell'emittente e dall'invio tramite il Sistema di Interscambio, creato appositamente per questo scopo dall'Agenzia delle Entrate, che controlla la veridicità della fattura. L'unica differenza nella compilazione è l'aggiunta di un obbligatorio indirizzo di posta elettronica del destinatario.

Come dire: ci sono dati sensibili e dati sensibili.

Nei primi sei mesi dall'avvio, la fatturazione elettronica ha interessato 3,3 milioni di operatori.

Dopo l'entrata a regime della fattura elettronica con il 1 luglio, l'Agenzia delle Entrate mette a disposizione di operatori IVA e privati cittadini un servizio tramite il quale è possibile consultare lo storico delle fatture elettroniche emesse e ricevute direttamente dal sito dell'Agenzia. Inoltre, sempre riguardo alle fatture elettroniche, l'agenzia delle Entrate ha comunicato che in merito alle date di emissione, verrà tollerata anche una differenza di qualche giorno tra la data di predisposizione e/o emissione indicata in fattura e quella certificata dal Sistema di Interscambio (SdI) nella ricevuta di esito della trasmissione. E l'imprenditore riceve mensilmente la fattura elettronica rispetto agli acquisti del mese. Grazie al servizio di archiviazione digitale offerto dall'Agenzia delle Entrate è possibile conservare la fattura senza problemi. Si parla di un inizio positivo, che vede attivi miliardi di operatori e imprese. Quando il legislatore vuole attribuire all'Agenzia delle Entrate un ruolo normativo "secondario", lo fa in maniera esplicita, rinviando espressamente la attuazione della norma a provvedimenti specifici emanandi.

Altre Notizie