Martedì, 15 Ottobre, 2019

Nel governo si continua a litigare sui minibot

La Lega insiste sui minibot, Tria: “Cattiva idea”. Borghi: “Sono nel contratto di governo” "Governo e manovra se si scommette sul taglio tasse"
Esposti Saturniano | 19 Giugno, 2019, 00:42

"L'unico problema, poiché siamo a metà anno e non ci sono documenti ufficiali, nuovi da far uscire, è vedere come dimostrare quello che stiamo facendo" chiarisce il ministro. Chi sostiene che così si aumenta il debito o si alzano le tasse, ha aggiunto, "finge di non capire". Se i minibot vengono assegnati a chi ha un credito, dall'altra parte c'è la Pubblica amministrazione che ha già un debito. "Avevano detto tutti che l'euro è irreversibile". I minibot, aggiunge, "sono solo un aiuto in caso di difficoltà nei pagamenti". Lo ha ribadito ai giornalisti il ministro dell'economia Giovanni Tria ribattendo alle dichiarazioni del vicepremier Salvini. È giusto che un tecnico abbia le sue convinzioni, ma la responsabilità politica è nostra.

Il nostro debito, sottolinea ancora Borghi, "è sempre stato considerato una scoria, uno schifo, io invece ho sempre cercato di ricordare alla gente che il debito è anche un credito".

Tria ha poi espresso il suo ottimismo. "Azioni concrete - risponde - significa far vedere perché noi diciamo che possiamo arrivare ad un abbassamento del deficit previsto nel Def dello 0,2", cioè 0,2 punti percentuali in meno rispetto al 2,4% nel 2019 scritto nel Documento di economia e finanza pubblicato in aprile, quindi intorno al 2,2%.

Nel dettaglio sarebbero gli elettori della Lega quelli più propensi (32%), mentre quelli del Partito Democratico (6%) e anche del Movimento 5 Stelle (13%) sembrerebbero essere molto più scettici a riguardo.

Altre Notizie