Lunedi, 24 Giugno, 2019

Imprese: Whirlpool, mai disdetto accordo, Napoli non chiude

Immagine di copertina Vertenza Whirlpool, si va verso la fumata bianca. L'azienda: "Non vogliamo chiudere"
Esposti Saturniano | 12 Giugno, 2019, 14:37

Luigi Di Maio l'aveva minacciato da questa mattina e nel primissimo pomeriggio ha addirittura fatto una diretta Facebook di tre minuti per dimostrare a tutti che sta usando il pugno di ferro nei confronti della Whirlpool, l'azienda che ha più volte paventato la chiusura dello stabilimento di Napoli.

"Sono mesi che monitoriamo con estrema attenzione il comportamento dell'azienda Whirlpool rispetto agli accordi presi con il Mise - commentano così i parlamentari del Movimento 5 Stelle Terzoni e Romagnoli accogliendo con favore la decisione presa dal capo politico e ministro 5 stelle - dialoghiamo costantemente con i dipendenti del nostro territorio, ed abbiamo notizie di quelle che possiamo chiamare anomalie da parte dell'azienda americana da diversto tempo".

La nota nasce come risposta alle dichiarazioni del Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio, che a Rtl ha annunciato che avrebbe "firmato una direttiva ministeriale che revoca tutti gli incentivi a Whirlpool". "L'azienda non intende procedere alla chiusura del sito di Napoli, ma è impegnata a trovare una soluzione che garantisca la continuità industriale e i massimi livelli occupazionali del sito". Per questo dall'incontro di mercoledì, dice Whirlpool, "auspichiamo di poter iniziare il percorso con le istituzioni presenti e le organizzazioni sindacali volto a risolvere la vertenza". Ma la 'voce grossa' del vicepremier trova i sindacati su sponde diverse.

(Teleborsa) - Il ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio ha firmato la revoca degli incentivi e dei fondi destinati a Whirlpool.

"I finanziamenti - ricorda ancora de Magistris - erano legati, da come dice il Governo, alla conferma e al rilancio del piano industriale che comprendeva la sede di Napoli. In Italia bisogna farsi rispettare, non si può tenere atteggiamento contrario ai patti, così vediamo se Whirlpool viene a più miti consigli". "È importante che la discussione al ministero non sia solo su come sanzionare Whirlpool, il problema è far applicare gli accordi, mantenendo le produzioni, non riducendo e chiudendo stabilimenti".

Altre Notizie